Dragon Ball Z: Fukkatsu no F – Trailer #3

Un gruppo di eroi apparentemente poco uniti e di etnie diverse contro un nemico comune che è un tiranno intergalattico, stiamo parlando dei Guardiani della Galassia? No, anche se forse pure loro si meriterebbero questo appellativo! Parliamo del nuovo film di Dragon Ball Z in uscita il 18 Aprile 2015 nelle sale Giapponesi: Fukkatsu no F (Il Ritorno di Freezer).
Allegato al trailer, prima di parlare di qualche curiosità sul film, riportiamo anche la traduzione italiana trovata in giro per il web, ovviamente approssimativa (quindi è probabile che navigando che ne troverete anche di diverse versioni):

Il tiranno è stato riportato in vita. Ha solo un obiettivo!Vendicarsi di Son Goku
FREEZER: Allora, vogliamo cominciare?
Opera originale, Sceneggiatura, Design dei personaggi: Akira Toriyama
FREEZER: Lasciate che vi mostri… la mia ulteriore trasformazione!
FREEZER: Bene, perché non diamo il via alla seconda parte della mia vendetta?
GOKU: Freeeeeeezer!
FREEZER:Vegeta! Ti nominerò comandante dell’esercito di Freezer.
Quale terribile esito attende la fine della battaglia…?
BEERUS: Hai avuto pietà… e questo è il risultato
VEGETA: Per te è finita!
————————————————–
La_Resurrezione_di_F

Il trailer ha suscitato le più diverse reazioni ovviamente, da chi incrimina il “troppo spoiler” per la nuova trasformazione svelata di Freezer all’hype più assoluto, in effetti hype ne mette e non poco per chi è fans delle avventure di Goku e co., sta tornando infatti un periodo florente e fortunato per l’opera di Akira Toriyama, nonostante la nuova generazione lo voglia a tutti i costi bollare come un fenomeno morente, nuovi videogiochi saliti subito in testa alle classifiche giapponesi (Dragon Ball Xenoverse per esempio, e nel paese natio non è una cosa da poco), una one-shot recente disegnata dal maestro Toriyama che funge come prequel dell’opera, entrata nel cuore dei lettori grazie all’apparizione della dolce mamma di Goku, la saiyan Gine (Jinga Patrol Jacko e Dragon Ball Minus), un film già uscito che conta un ottimo successo (Dragon Ball Z: Battle of Gods) e questo suo atteso seguito ne sono tutti la prova, ahimè per quanto piaccia pensare alla massa radical-chic il contrario, ancora oggi Son Goku è più vivo che mai.
L’idea di Fukkatsu no F nasce come una storia originale che Toriyama avrebbe voluto inserire nel manga, ma che la serialità e sicuramente lo stress accumulato durante la pubblicazione non gli hanno consentito di fare, ascoltando poi la canzone dedicata proprio a Freezer del gruppo punk/metal Giapponese, i Maximum the Hormone, “F”, la storia nella mente del maestro si deve essere delineata definitivamente, tanto che ritroviamo la canzone anche nella colonna sonora del film.
La storia ci presenta due personaggi dell’esercito di Freezer, Sorbet e Tagoma, che giunti sulla terra e prendendo possesso delle famose sfere del drago riescono nell’intento di resuscitare il loro scomparso sovrano, mentre Goku e Vegeta sono impegnati ad allenarsi con Whis (maestro del dio della distruzione Beerus), in un luogo lontano. Quando questa prima parte di trama trapelò nel web , in molti si ponevano le solite domande confusi fra continuity originale e alternativa: sfere del drago che non potrebbero resuscitare un certo tipo di persone e con un tempo limitato, anime purgate all’inferno che dovrebbero essere già reincarnate e, secondo alcuni, un Freezer a quanto pare già resuscitato più volte; cerchiamo perciò di fare un po’ di chiarezza prima di passare a qualche spoiler:
le sfere del drago sono state modificate drasticamente da Dende nel manga, a quanto ne sappiamo non è più specificato se possano resuscitare persone morte anche un tot. di anni prima, perciò seppur sembri forzato può essere possibile. L’inferno è un posto nel manga originale (dimenticate quello dell’anime), dove è vero che le anime dei malvagi dovrebbero essere purificate e poi reincarnate in persone diverse, tuttavia ci possono essere eccezioni e a questa domanda in parte rispondono un po’di rumors dal film che vorrebbero fra i personaggi la presenza degli angeli che all’inferno si occupavano proprio di controllare l’anima di Freezer a quanto pare tenuta sotto custodia; per finire, Freezer non è mai morto più di una volta! Su Namecc non è mai morto e nonostante l’odio per Goku per l’umiliazione ricevuta, il suo vero carnefice nel manga rimane Mirai Trunks, tutto quello che riguarda gli OAV o il GT dimenticatelo! Non è canon! E non tanto perchè siano belli o brutti o perchè faccia comodo pensarla così, ma perchè semplicemente non c’è la penna del loro autore dietro, sono tutte idee originali della Toei Animation e dei loro sceneggiatori che difatto possiedono i diritti sul lavoro di Toriyama, può darsi che come in Battle of Gods qualcosa di sconnesso sicuramente dal manga originale ci sia ma la scrittura di Toryiama lo renderà lo stesso, credetemi, molto più coerente con l’opera di quanto non avessero fatto altri prima.
Altre risposte a quesiti simili sono arrivate poi con la prima parte del manga disegnato da Toyotaro (Dragon Ball Heroes:Victory Mission) uscito il 28 Febbraio , suddiviso in tre capitoli, che riporta la storia del film :
[ATTENZIONE SPOILER]
free

Uno dei soldati comprimari di Freezer,Sorbet, dopo la morte del sovrano si è autoproclamato capo dell’esercito, tuttavia dopo anni di tentativi di unione e controllo del vasto impero del tiranno, gli eserciti e i popoli ormai sono in guerra fra di loro, Sorbet deve prendere decisioni drastiche; a lungo i suoi sottoposti hanno indagato dove i namecciani possano aver trovato una nuovo pianeta, tutto per prendere ancora una volta le agognate sfere del drago, dopotutto andare sulla Terra con la presenza dei Saiyan sarebbe stato un suicidio, ma la ricerca non ha dato i frutti sperati perciò l’ultima carta da giocarsi è proprio quella. Sorbet con una piccola scorta di soldati giunge quindi sulla terra, per sua fortuna la banda di Pilaf aveva già riunito le sfere, al soldato non costa nulla terrorizzarli e rubare il loro desiderio. Freezer non torna in vita interamente, il suo corpo metallico è ancora frantumato in pezzi come fu ridotto dal giovane venuto dal futuro. Il ricordo del ragazzo dai capelli viola e di Goku attanaglia la mente di Freezer, nel frattempo portato nella navicella e messo in cura dai soldati con nuovi e moderni macchinari; ormai lontano dalla terra e guarito il sovrano può tornare a meditare vendetta, a discapito del vero motivo per cui Sorbet lo ha resuscitato, ossia riunire il suo esercito e stare lontano dai Saiyan, dimenticando l’onta subita per il bene dell’impero, ma Freezer non vuole dimenticare a qualunque costo, non gli interessa più nulla del suo impero, come potrebbe regnare pensando di essere un codardo? Sorbet da lontano ha appreso le gesta di Goku e dei suoi amici e tenta di destare il sovrano dai suoi piani informandolo che il Saiyan a parer suo è diventato irraggiungibile, neanche quel connubio di magia e distruzione che è Majin Bu infatti è riuscito ad abbatterlo, Freezer che aveva sentito parlare suo padre, Re Cold, di quell’entità misteriosa, a questa notizia si mostra titubante tuttavia la sua ambizione non cambia e per la prima volta vuole “abbassarsi” ai livelli di tutti gli altri allenandosi per migliorare e quando sarà diventato iù forte potrà col suo esercito raggiungere la terra per fare una carneficina. In questa prima parte ancora non appaiono i nostri eroi, se non uno sguardo veloce a Piccolo che passeggiando accanto a Gohan e Videl con in braccio una Pan nata da poco, si accorge di misteriose forze spirituali apparse e poi scomparse dalla terra in poco tempo. Il primo capitolo si conclude così, aspettando il secondo previsto per il 27 Marzo.
Nel film oltre ll’imprescindibile protagonista, ritroviamo anche il già citato Piccolo che a quanto detto avrà un ruolo abbastanza importante, Vegeta, che come Goku presenta un outifit tutto nuovo e si spera che Toriyama abbia messo in pratica ciò che l’ultima volta disse sul principe dei Saiyan, facendogli perciò avere un ruolo un po’ più centrale (tanto più che Freezer per Vegeta è una spina nel fianco non da poco considerando che è stato per lui un “padre adottivo e spirituale” della peggior specie), ritorviamo anche Crilin di nuovo pelato e poliziotto in carriera, Bulma che parteciperà alla battaglia probabilmente con qualche pazzo gadget della Capsule Corp., Tenshinhan, Jaozy, il maestro Muten che finalmente tornerà a mostrare i muscoli letteralmente, la bellezza letale di C18 e Gohan con un look alquanto particolare. Un piccola curiosità poi riguarda la presenza nel film anche del soldato galattico Jacko, protagonista del prequel recente di Dragon Ball sopra citato, ammetto di avere hype quasi più per lui!

Se il resto del mondo “nerd” in questo periodo è preoccupato a giocare a chi fa meglio ( per non dire altro) tra l’intrattenimento spettacolare Marvel/Disney e la cupaggine/soffertona  DC/Warner, in Giappone lo spirito leggero e l’attesa legata a questi OAV che di certo non hanno la portanza di grandi produzioni Hollywoodiane ci insegna come il divertimento e la passione dovrebbero essere prese, senza fare a gara e perchè no? Scherzandoci un po’ su, guardate questi spot di una cola Giapponese:

Goku e compagni:


e la compagnia di Freezer:

Li trovo divertentissimi personalmente!
Se una cosa del genere venisse fatta in occidente si urlerebbe all’inutile e al ridicolo, e comincerebbe il solito “gioco deviato” fra fanboy che sfiora l’invasamento degli integralisti islamici; nonostante far ballare Batman o Iron man possa sembrare comunque un tantino fuori luogo e nonostante i manga siano considerati un vero e proprio mercato attivo in Giappone oltre che uno dei simboli portanti del paese, a differenza dell’occidente che nonostante un successo ritrovato nel campo in questi anni tende ancora a snobbarne il mercato, questo ci dimostra che forse dovremmo imparare a prenderci tutti un po’ meno sul serio e divertirci di più, forse lasciare aperti più spazi anche agli altri per introdursi e appassionarsi a questi mondi, indipendentemente da manga o comics e smettendola di creare giudizi o discorsi inutili già qualcosa si fa.

Aggiorneremo le notizie riguardanti Fukkatsu no F all’uscita della seconda parte del manga e poi rimaniamo in attesa dell’annuncio di una data italiana per il film, ricordiamo infatti che la Lucky Red ne ha acquisito la licenza di distribuzione.

goku vegeta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...