Ghostbusters – Minirecensione 

ghostbusters

Il reboot al femminile di Ghostbusters scatenò un sacco di polemiche da parte del pubblico per due motivi

1) si andava a toccare un classico del cinema nerd e non

2) secondo alcuni, troppi, delle donne non potevano fare le Acchiappafantasmi

Una volta uscito è stato inevitabilmente un flop, per certi versi un flop annunciato, più per i pregiudizi che per altro. Ora che l’ho visto pure io posso affermare con certezza che si, questo Ghostbusters è brutto ma non per il cast femminile, sono aperto a vedere un punto di vista differente e da nessuna parte sta scritto che una donna non possa essere un Acchiappafantasmi, tantomeno perché si tratta di un reboot, dovrebbe essere scontato che un reboot o un remake non necessariamente debba rovinare il film originale, basti pensare a La Mosca o al recente Mad Max (poi che di questo reboot nello specifico non si sentisse il bisogno è un altro discorso) Ghostbusters è brutto in quanto tale.

Sarò piuttosto breve, non voglio dilungarmi tanto.

Il fatto che i Ghostbusters siano donne non è assolutamente un problema, il fatto che metà di loro siano altamente irritanti sì, a partire da Abby (Melissa McCartney) che personalmente ho trovato insopportabile e piena di spocchia, fino a Patty (Leslie Jones) che si unisce al gruppo senza un reale motivo. Erin (Kristen Wiig) è talmente normale da essere quasi anonima. Hotzmann (Kate McKinnon) forse un po’ troppo sopra le righe, fin esagerata per quanto mi riguarda, ma tutto sommato ha carattere e si distingue.

Per gran parte del film ci troviamo di fronte a dei semi spiegoni su come funziona questo, su come capiscono quello, su come sono diventate ciò che sono, si sono preoccupati di dare delle motivazioni al cattivo così da fare una sorta di parallelismo con le protagoniste (il discorso sull’essere invisibile alle altre persone). Tutte cose che nell’originale (il confronto nasce naturale) erano superflue, non ce n’era bisogno, o comunque ridotte al minimo.

Ma quel che più di tutto non funziona in questo film è l’umorismo. Laddove nel film originale tutto era naturale qua è esasperato, mi è sembrato a tratti di guardare una puntata di La sai l’ultima? e a tratti uno Scary Movie tanto erano surreali e demenziali certi dialoghi (a quello del gatto e del sacco volevo cambiar canale!), con la differenza che in uno Scary Movie la cosa è voluta. Era una gara a chi la sparava più grossa, una disperata ricerca della battuta geniale, solo che quella battuta geniale, nella raffica di battute che si sono susseguite veloci l’una dopo l’altra, non è mai arrivata rendendo Ghostbusters la parodia di se stesso, che è strano da dire per il reboot di un film che non si prende per niente sul serio. Sono molto poche le battute realmente divertenti e nemmeno queste riescono a rimanere impresse.

Ci sarebbe altro da dire ma preferisco fermarmi qua.

E chi chiamerai? Sicuramente non loro!

Annunci

11 thoughts on “Ghostbusters – Minirecensione 

  1. Non posso dimostrare quello che sto per scrivere, ma l’idea mi incuriosiva: certo, la paura che fosse brutto l’ho avuta, più che altro perché spesso, questi reboot diventano delle brutte parodie per mancanza di rispetto del materiale originale – qualcuno ha detto Charlie’s Angels?

    Poi, a me non disturbano affatto le donne d’azione: è la stessa cosa degli uomini d’azione, devono essere personaggi ben costruiti 🙂

    In tutto ciò, il film non l’ho ancora visto, ma sono sicuro che quando lo vedrò, la polizia del reboot non cancellerà i due vecchi cult ^ ^

    • E meno male che i classici sono ancora li! Ma secondo me anche stravolgere il materiale originale a volte può funzionare, l’importante è essere coerenti nel contesto del film, non è questo il caso a mio parere.
      Sicuramente avrei trovato irritanti anche dei protagonisti uomini se scritti così.

  2. Non l’ho visto, sia chiaro.
    Potevano fare in modo che fosse un sequel dei primi, anche con le donne.Insomma, dare continuità.
    Io certe operazioni commerciali proprio non le capisco, possibile che non si rendano conto che saranno dei flop annunciati? Mah…

    Moz-

    • Come dico nella rece è stato un flop dovuto al pregiudizio della gente che lo aveva massacrato ancor prima di vederlo.
      Anche io avrei preferito una sorta di sequel per il semplice fatto che Ghostbusters non penso avesse bisogno di un reboot, non è un film invecchiato così tanto come un Pianeta delle Scimmie da necessitare effetti speciali moderni, Ghostbusters continua a funzionare alla grande anche oggi così com’è senza le esagerazioni che ho trovato nel film di Feig.

  3. Il mio approccio al film è stato nettamene più calmo e tiepido rispetto al resto del mondo.
    In parte perché non sono così legato al film originale [cult assoluto, nulla da dire, ma non soffro così tanto nel vederlo sputtanato XD], non ho nulla contro i reboot se ben fatti e giustificati e soprattutto non ho nulla contro i cast tutto al femminile [c’è gente che rompe le palle per i prossimi Ocean’s Eleven o Expendables al femminile….io invece non vedo l’ora che escano!]. In più le commedie di Feig mi sono tutte piaciute quindi non avevo nulla contro questo Ghostbusters.

    Detto questo il film mi ha annoiato dall’inizio alla fine! Ma non per le cose di cui si lamentavano tutti, ma perché non fa assolutamente ridere!
    Come hai scritto giustamente tu le battute sono banali e infantili, degne del peggior Scary Movie [o meglio di quelli che cercano di imitarlo….Scary Movie 1 e 2 facevano riderissimo! 😀 ] e gli attori sono privi di convinzione. Forse si salvano giusto un paio di gag e il look dei fantasmi [molto glam, qualcosa di effettivamente originale] ma il resto è….non “brutto”, diciamo più “insulso” [che per certi versi è peggio di “brutto”].

    • Ma giustamente l’hai preso così, tanto il film originale è sempre li mica l’hanno buttato nel water. L’ho guardato senza alcun pregiudizio, a parte il semplice fatto che il trailer non mi disse assolutamente nulla, ma niente, non c’è stato verso, come ho visto il personaggio della McCartney basta, l’ho trovato irritante. Sui reboot condivido pienamente, in questo specifico caso a mio parere non se ne sentiva il bisogno così come non se ne sente per Ritorno al Futuro e Jumanji. Notizia di ieri, pare che la WB stia valutando un reboot di Matrix, perché? E oggi, dopo averlo citato nella rece, la notizia su un reboot de La Mosca… ripeto, perché? Mi sembra presto!

      • Non è mai abbastanza presto, quando non si hanno idee nuove (o si ha paura di provare qualcosa di nuovo) e al tempo stesso si amano i soldi… volevo dire, di certo avranno una motivazione artistica che ci spiegheranno al più presto… 😛

  4. Il fatto che i Ghostbusters siano donne non è assolutamente un problema, il fatto che metà di loro siano altamente irritanti sì, a partire da Abby (Melissa McCartney) che personalmente ho trovato insopportabile e piena di spocchia, fino a Patty (Leslie Jones) che si unisce al gruppo senza un reale motivo. Erin (Kristen Wiig) è talmente normale da essere quasi anonima. Hotzmann (Kate McKinnon) forse un po’ troppo sopra le righe, fin esagerata per quanto mi riguarda, ma tutto sommato ha carattere e si distingue.

    Hai centrato il punto, decisamente. Erin in particolare è improponibile nei panni del Peter al femminile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...