Supercinema! presenta: Lanterna Verde

lanterna-verde-film

In questo appuntamento di Supercinema!, arrivato con un po’ di ritardo rispetto al solito a causa dell’uscita di Logan al cinema e alla visione di Ghostbusters che hanno rubato la nostra attenzione, parliamo di Lanterna Verde, il film del 2011 di Martin Campbell basato sul personaggio  della DC Comics, che dal trailer aveva il potenziale per diventare il nuovo Guerre Stellari ma che si rivelò solo un flop stellare, costato la bellezza di 200 milioni di dollari ne incassò solo 219. Il film vede nel cast Ryan Reynolds (Hal Jordan/Lanterna Verde), Blake Lively (Carol Ferris), Mark Strong (Sinestro), Peter Sarsgaard (Hector Hammond) e Angela Bassett (Amanda Waller).

Da qui in avanti l’articolo conterrà SPOILER sulla trama per cui se non avete ancora visto il film e non volete rovinarvi nessuna sorpresa non continuate la lettura. Se invece non volete rovinarvi l’idea che avete di Lanterna Verde evitate proprio di guardare il film.

La trama in breve.

Milioni di anni fa i Guardiani dell’Universo crearono il Corpo delle Lanterne Verdi, un esercito di protettori intergalattici armati di un anello in grado di imbrigliare il potere della forza di volontà. Parallax, l’entità gialla della paura, si libera dalla sua prigionia e ferisce a morte la Lanterna Abin Sur del settore 2814 che precipita sulla Terra dove incarica il suo anello di trovare un degno successore prima che lui muoia. L’anello sceglie il pilota collaudatore Hal Jordan che diventa la prima Lanterna Verde terrestre e viene trasportato sul pianeta Oa per essere sottoposto all’addestramento da parte di Sinestro ma torna subito sulla Terra. Intanto sulla Terra lo scienziato Hector Hammond viene trasportato in una struttura segreta del governo per sottoporre ad autopsia il corpo di Abin Sur, durante l’operazione una parte di Parallax rimasta nel corpo dell’alieno contamina lo scienziato donandogli poteri telepatici e telecinetici che userà per vendicarsi del padre, rancoroso nei suoi confronti. Sarà Hal ad affrontarlo e nel farlo scoprirà che Parallax è diretto verso la Terra per distruggerla.

La trama si ispira in gran parte alle origini di Hal Jordan rispettandone le basi e rispettando le caratterizzazioni di gran parte dei personaggi modificando qualche dettaglio per la trama.

Parallax nei fumetti non è un guardiano soggiogato dal potere giallo della paura ma è l’entità della paura stessa, il suo aspetto è totalmente differente, assomiglia proprio ad un parassita.
Hector Hammond non ha ricevuto i suoi poteri venendo a contatto con Parallax (introdotto molti decenni dopo) ma grazie ad un meteorite.
Sinestro nel film crea l’anello giallo che controlla la paura con il consenso dei Guardiani. Nel fumetto invece lo crea da solo sul pianeta Qward dopo aver disertato il Corpo.
C’è qualche altra differenza ma nulla degno di menzione.

Venendo al film personalmente non ritengo che il film in sè sia un vero e proprio fallimento, il flop forse è stato un po’ esagerato ed ingiusto nei confronti di un film che tutto sommato è nella media, certo forse un po’ al di sotto degli standard dei cinefumetti a cui quegli anni ci stavano abituando. Ma è innegabile che Lanterna Verde fu un fallimento nei confronti dei fan del personaggio, il trailer prometteva una space opera alla Star Wars, cosa che invece non è stato svolgendosi quasi totalmente sulla Terra. Pur rispettando in gran parte il materiale originale sono bastate delle piccole modifiche a rovinare il tutto. La scelta di bruciarsi usare Parallax già al primo film si è rivelata infelice, unito ad un pessimo design e al mischiare la trama con il villain Hector Hammond che si rivelò pessimo, così com’è pessimo il parallelismo che vogliono creare con l’eroe. L’errore più grande però l’hanno commesso con Sinestro, uno dei personaggi più affascinanti dei fumetti DC Comics che in quel periodo stava vivendo l’apice della sua vita editoriale proprio grazie al successo del Green Lantern di Geoff Johns, un cattivo divenuto un vero e proprio anti-eroe, ma nel film questo suo carattere sfaccettato non è chiaro, non sappiamo realmente quale sia il su ruolo, Sinestro nel film odia Hal Jordan a prescindere perché questi ha preso il posto di Abin Sur, stop. I due non hanno un vero e proprio rapporto che li leghi come nei fumetti dove i due prima sono allievo e maestro, poi amici e infine acerrimi nemici, e citando Sinestro nell’ultimo numero della storica run di Johns “noi saremo sempre amici”. Un personaggio così bello banalizzato e reso piatto, non ha senso il voler combattere la paura con la paura, creare l’anello giallo per sconfiggere Parallax e poi ammettere che la paura si può sconfiggere con la volontà come dimostrato da Hal Jordan (lo dice chiaramente nel finale) per poi mettere mano ugualmente sull’anello giallo semplicemente perché la sceneggiatura o il materiale originale lo richiede. Per vedere un bel film su Lanterna Verde e comprendere meglio il rapporto tra i due personaggi e scoprire cosa li ha portati a prendere due strade così diverse vi consiglio di guardarvi il film animato Lanterna Verde: primo volo, uno dei pochi film animati DC ad essere stato tradotto in italiano, ahimè come quasi tutti i film DC non si trova in DVD o Blu Ray.

Forse con il sequel potevano anche aggiustare le cose ma il pubblico non gli ha dato alcuna chance, è strano però che solo sei anni dopo un film sui personaggi DC ben peggiore non solo è riuscito ad incassare molto di più ma ha pure portato a casa un Oscar, un premio tecnico ma pur sempre un Oscar. Ah i fan e la loro coerenza.

Advertisements

One thought on “Supercinema! presenta: Lanterna Verde

  1. Son d’accordo praticamente su tutto.
    Visivamente il film non è da buttare via, Oa è ben realizzata così come il costume [fatto di energia e non di tessuto], i guardiani sono fatti bene così molti componenti del corpo [che fanno la gioia dei fan del fumetto visti i numerosi volti noti].
    Peccato però che il film sia povero di contenuti. I personaggi sono abbozzati [Hal in primis], la storia tra Hammond e Paralax [che banalizza i concetti del fumetto] potevo accettarla se l’avessero sviluppata in modo decente cosa che invece non è stata fatta. Ma soprattutto trovo sprecatissimo Mark Strong come Sinestro. Un casting che poteva rivelarsi perfetto per uno dei personaggi più belli del DCU ed è stato totalmente sprecato…
    Per me più che un brutto cinecomics è un film insulso, una di quelle pellicole che come esci dalla sala te ne sei già scordato…peccato, perché l’universo di Lanterna Verde offriva un’infinità di idee…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...