Nerd e Sessismo

spider-woman-milo-manara

Questo argomento necessiterebbe di un vero e proprio saggio a parte probabilmente e in fin dei conti questo post potrà risultare banale e credo anche poco apprezzato a chi vuole avere il prosciutto sugli occhi in nome del buonismo a tutti i costi. Oh io vi ho avvertite/i almeno (non è un caso che ho usato il femminile prima, tranquilli).

Sinceramente l’accostamento parole nerd e sessismo mi fa salire il sangue al cervello ogni volta perciò cercherò di essere quanto meno coincisa sul punto fondamentale a cui vorrei arrivare.

Si sono spesi molti articoli e parole al riguardo prendendo parte a guerre di ogni genere in questa macelleria del trash (quello brutto) che è l’internet, non ho mai detto la mia al riguardo perché i leoni da tastiera non hanno mai fatto per me, non mi piace conversare con gente che rigira argomentazioni a suo vantaggio e che ha già deciso dove stanno le verità assolute (in pratica non dovrei aprire il computer in effetti XD); ma ieri sera dopo l’ennesima, passatemi il termine, pu***nata letta riguardante il tanto osceno script di Joss Whedon su Wonder Woman e le accuse di sessismo… proprio non ce l’ho più fatta, e siccome il mio antico sfogo sul comportamento della DC Comics verso il personaggio di Harley Quinn (lo trovate qui) aveva avuto pure un discreto successo, perché non scrivere qualcosa al riguardo cercando almeno di far riflettere qualche persona intelligente e disposta alla discussione (esisteranno o sono solo leggenda?).

Incominciamo col dire che le cose lette e passate su twitter  nel “caso Whedon” erano perlopiù battute, chi conosce il suo stile, ma anche chi conosce le sue serie tv, una su tutte Buffy l’ammazzavampiri (siete persone cattive se no!), sa che i dialoghi pungenti e talvolta cinici ma sinceri dei vari personaggi puntano a dissacrare situazioni o addirittura a far riflettere sulla natura umana di ciò che lo spettatore vede e si domanderebbe in certi casi, è proprio una sua prerogativa, anche in Avengers c’erano le stesse cose quindi non ho trovato nulla di scioccante in merito, per non parlare poi delle presunte scelte narrative sul personaggio di Steve Trevor, qual’è la differenza di far cominciare il film con lui, nello script di Whedon o immolarlo ad eroe molto più di Diana nel film fatto e finito della Jenkins? Spiegatemelo dai. Si può ipotizzare dalle cose lette se ci sarebbe piaciuto o meno questo ipotetico film ma bollarlo di sessismo, … insomma fa già ridere così no?

Ma dopotutto queste donne saranno anche quelle che poco meno di un mese fa trovai a scrivere su tumblr (sito molto bello per gif e fan art ma pieno di deficienti e buonismi devo dire, non me ne vogliate tumblerine), cose oscene e denigratorie verso Milo Manara e in particolare la commission che regalò a Frank Cho con la fagiana della Donna Ragno in bella vista, disegni i suoi che nonostante le facce un po’ ripetitive trovo sempre molto belli, ecco se conoscessero entrambi gli artisti e prima di parlare s’informassero non si aspetterebbero certo un disegno del Papa regalato da Milo a Frank; invece nella loro totale ignoranza sia al riguardo degli artisti e dell’arte che loro dicono tanto di amare hanno preferito scrivere cose tipo “quando muoiono questi pervertiti?” … immagino quindi che quando il loro ragazzo/a gli chieda certe cose/pose rispondano allo stesso modo. No? Ah no, davvero?  Ma guarda, lui/lei non sono pervertiti ma Manara si! (e non fate le santarelline dai, il sesso è sesso cribbio! #senògodeteametà). La cosa più interessante del dibattito tuttavia non furono le minacce coatte delle pseudo femministe ma il fatto che cominciarono a postare certe fan art girate sui social tempo fa, sugli eroi maschi dei comics in pose sexy femminili decorati da fili interdentali e quant’altro;

19441377_10209796166086279_1529367617_n

finché si tratta di ridere assolutamente ben vengano cose di questo tipo, credo che nel 2017 finita la pubertà anche certi maschietti trovino ormai ridicole pose, forme impossibili e armature striminzite che negli anni 90 popolavano i fumetti mentre nei videogiochi esistono ancora (i manga sono una cosa a parte chiaramente XD), ma in un discorso serio lasciano il tempo che trovano, postare tali fan art ha un senso care amiche? Perché tali immagini vengono rivolte ai maschi chiedendo se a loro piacerebbe vedere i loro idoli in questa forma, ma ironia vuole che loro li vedano già in quella forma in realtà! Certo, senza i tanga, ma le pose maschili degli eroi sono continuamente virili, cara “femminista” tu hai mai visto Capitan America obeso mentre mangia una pizza su un divano? A me non risulta. Ciclope che viene chiamato da Logan “Slim” ma tanto slim con gli ultimi costumini a me non pareva, oppure Flash non ha chiaramente in molte vignette il fisico di un velocista. Morale? Ogni tua argomentazione è invalida. I maschi vedono da sempre e continuamente tipi di eroi e stereotipi che non rispecchiano per la maggioranza i lettori fisicamente (dai qualcuno affisicato c’è di sicuro) e con pose anche per loro innaturali, potenti, virili, aggressive e che esprimono testosterone da ogni poro (ce ne sarà qualcuno che li vuole pure normali ogni tanto ma non va a fare casino sul web). Piacerebbe davvero ad una ragazza vedere Poison Ivy presentata come Wolverine? Ma con gli stessi muscoli proprio eh! Non si metterebbe a ridere? La sensualità è un aggiunta per le donne, è un fattore culturale che il maschio debba essere virile nell’immagine e la donna “morbida”, sensuale, certo, non vuol dire che sia giusto ma è così, quando i fumetti erano molto più di nicchia venivano presentati questi due stereotipi più spesso difatti più si va indietro con gli anni più si possono notare per entrambi i sessi queste cose, oggi che lo sono molto meno di nicchia (non si sa se per fortuna o sfortuna) questo problema dell’immagine persiste di meno, poiché il modo di narrare è migliorato, è cambiato; altro discorso da non sottovalutare poi è anche affidato all’interpretazione personale degli artisti, infatti un Ciclope non è mai disegnato uguale, stessa cosa una Poison Ivy, in realtà si hanno molte scelte su differenti stili e interpretazioni nel disegno degli stessi personaggi, quindi il problema quale torna ad essere ? L’ignoranza e la sua conquista di Fantàsia.

Ma la vera domanda è perché ai maschi frega niente se Superman c’ha pose virili, e a nessuno frega niente dell’antico e stereotipato nerd medio occhialuto e brufoloso? Culturalmente è un discorso troppo lungo, davvero, nel campo letterario qualche risposta invece la si può dare, ma facciamo uno step prima di darla perché dopo le mazziate alle femminucce non pensavate mica di essere immuni voi col grembiulino blu! Eh no!

Mi capita spesso di leggere, sentire e vedere emarginazione verso le donne in questo campo, una specie di pregiudizio ancora un po’ difficile da scrollare e così capita di leggere che se c’è un attore belloccio nel cinecomic di turno diventa un acchiappafemmine e non va bene ragazzi, proprio no! Oppure capita di leggere ancor più gravemente che i fumetti sono cose che le donne non dovrebbero leggere perché li capiscono a modo loro (invece i maschi no eh), oppure non possono capirli in quanto la presenza maschile è più elevata di quella femminile quindi non si possono immedesimare (e chi glielo dice a questi che in maggioranza i personaggi che amo son maschi? #help) , o anche che “a lei non piace realmente il personaggio a lei piacciono solo i suoi pettorali”, ragazzi, basta con le st*onzate, parliamoci chiaro, ma a quanti di voi piacciono i “pettorali” della Gatta Nera? Black Cat by Terry DodsonA tanti immagino no? Insomma è un discorso un po’ bislacco non trovate? E non vi chiedo nemmeno se notate prima i pettorali o il personaggio in questione perché dai, lo sappiamo e non c’è nulla di sbagliato in questo. Insomma, secondo questa gente, ai maschi improvvisamente piacciono i personaggi femminili caratterialmente, non metto in dubbio che ci sia il lettore che apprezza la Gatta Nera caratterialmente oltre che fisicamente ma quando vedo gare su apprezzamenti dei characters in giro nel web o nei forum leggo solo commenti su tette stranamente, quindi bisogna mettere in croce le ragazze se commentano i glutei di Thor? Davvero?  Loro non hanno la libertà di essere sessualmente attratte da ciò che vogliono? Devono per forza apprezzare solo la caratterizzazione? Inoltre questo discorso si potrebbe estendere a chiunque e su qualunque fronte o fandom, quanti finti fans di Batman ci sono stati dopo il boom Nolaniano, sia maschi che femmine? (ho perso il conto solo a pensarci) Eddai su.. eh!

Anche il discorso attori poi, in quante recensioni leggo “topa di qua, topa di là”, sinceramente non mi da fastidio perché riconosco sia la bellezza delle attrici in merito, sia l’attrazione che può provarne lo spettatore maschio, però se un apprezzamento lo fanno le donne apriti cielo, l’attore è diventato improvvisamente un venduto per ragazzine e le donne vogliono solo sbavare e sicuramente non hanno capito niente del film, strano, io ho letto di gente che nel recensire Suicide Squad ha ammirato immotivatamente la caratterizzazione di Harley Quinn della Margot Robbie solo perché tutti le abbiamo visto la colonscopia, ma più di quello che ha fatto? Topa si, lo riconosco… ma altro? (#nonpervenuta, come il film dopotutto), già Gal Gadot è tutt’altro discorso, topissima e pure brava a trollarci tutti reggendo da sola un film che sarebbe stato un floppone senza di lei. E la coerenza in tutto questo dove sta?

Cavoli, io voglio sentirmi libera di dire che oltre ad essermi piaciuto un casino come film Captain America: The Winter Soldier mi è piaciuta anche la tutina aderente di Chris Evans e il look metallaro di Sebastian Stan che sono due gran bei manzoni, ma questo non influenza assolutamente il mio giudizio sul film o sulle loro doti recitative, altrimenti impazzirei anche per i Guardiani della Galassia visto che Pratt mi accende un casino, ma non è così!

Capisco che le donne in questo mondo si fanno anche poco voler bene in certe occasioni, ma non è colpa loro, è colpa del pregiudizio generalista, molte case editrici hanno cominciato a coccolare tantissimo ragazzine e donne spesso con delle uscite che trovo più sessiste che altro, perché alla fine nel differenziare sta il vero razzismo, sessismo e quant’altro. Altro pregiudizio che fa un po’ ridere nel 2017 è che una donna che ti parla di fumetti truccata e con i tacchi possa risultare meno credibile di quella che per forza per avere voce in capitolo si deve conciare pari pari al fumettaro medio che te li vende, e non ditemi che per tutte è una scelta perché non ci credo, sopratutto dal momento che in fumetteria di conciate in modo femminile ne vedo una ogni dieci, liberissime di restare acqua e sapone ragazze ma solo se per scelta, se lo fate invece per essere a livello del vostro fidanzato nerd o del suo gruppo di amici “alternativi” e non lo volete veramente siete le peggio proprio!  Fra l’altro solitamente son quelle che guardano male me più dei maschi straniti perché non ho l’aspetto da nerd, quindi “è un’oca = non ha voce in capitolo” (compagne conformiste facciamo un’associazione anche noi! XD).

Concludendo e tornando perciò all’ultima domanda, perché ai maschi non da fastidio? Semplice. Oltre al fattore riportato prima sulle varie fasi culturali e storiche attraversate dai fumetti, i personaggi maschili hanno avuto molto più tempo e molta più libertà nel raccontarsi e nel risultare negli anni non “maschi con tutine aderenti” ma persone, i personaggi femminili invece sono ancora oggi, in confronto, pochi che vengono scritti senza il distacco provocato dal sesso sia del personaggio sia dello scrittore in merito che diventa più attento alla stesura del personaggio per non risultare sessista, poco delicato, troppo esagerato, che alla scrittura fluida e più naturale, insomma si sente lo stacco risultando il più delle volte scritture più “agitate”, stereotipate, provocando la sensazione che leggi di una donna appunto che fa l’eroina. Un esempio? Nessuno scrittore oggi si preoccuperebbe di un Oliver Queen che tradisce a più non posso Canary e di quale esempio può dare .. no! Si ci preoccupa piuttosto di una Harley Quinn che non può essere trattata male dal Joker (entrambi criminali ricordiamo e che quindi non dovrebbero essere un esempio a prescindere! Ma alla DC sono dei geni si sa) e che lo deve prendere a badilate per mostrare il suo nuovo girl power e la sua indipendenza per poi andare a limonare in modo davvero fanservice con Poison Ivy che non ha nulla di diverso dal Joker come abusatrice mentale, ma tanto la comunità LGBT così è soddisfatta quindi del personaggio che ci frega? Questo sinceramente è umiliante signore/i. Questo si.

Se non lo si fosse capito dall’inizio del post sono una donna, leggo fumetti di molti generi dai miei 14 anni seriamente, ne ho quasi 26, e pensare che ci debbano essere dei cambiamenti o delle carezze, dette anche paraculate a casa mia, nei fumetti solo perché bisogna stare attenti a non urtare la sensibilità, beh quello è veramente un insulto al mio sesso, alla mia forza ma sopratutto alla mia intelligenza, cosa imperdonabile. Provo disgusto e pietà per le persone che perpetrano la finta giustizia di questo pensiero e di questo mondo sia del mio sesso che di quello opposto.

Ci sono già dei personaggi femminili e degli autori che per fortuna vengono trattati e trattano le donne esattamente come gli uomini nei fumetti, senza preoccuparsi dell’esempio che devono dare, ma occupandosi dell’arte, della narrativa, del senso di quello che devo leggere, perché da donna a me non me ne frega niente se il personaggio a cui sto dedicando tempo si rade sul mento o nelle zone basse, o con chi va a letto, m’interessa che io lo possa sentire nel mio cuore, che essa/o possa essere anche un po’ me stessa e che quindi possa avere un sacco di difetti oltre che di pregi, perché si, le donne vanno in bagno, ruttano, parlano volgarmente di uomini, fanno schifo quando c’hanno l’influenza uguale, ci sono anche donne che non si devono preparare ore prima se escono la sera o il pomeriggio, ci sono quelle a cui piace guardare scene violente, film horror, videogiocare, dire parolacce e quant’altro, non dovrebbe essere una novità nel 2017 ed è triste che io lo stia a scrivere.

Cari scrittori dei piani alti quello che vogliono le donne, quelle intelligenti, sono PERSONE, vogliono PERSONE. Quindi ben venga un Alias che mi fa vedere una detective dalla vita incasinata e Miss Marvel che dice di aver avuto le mestruazioni, ben venga in una serie tv una Buffy che è tanto forte fisicamente quanto debole emotivamente per i problemi di cuore e che addirittura affronta una depressione, ben venga in un manga shonen una Shaina che è una guerriera addestrata rigidamente che mette a rischio la propria vita per quel friendzonatore patentato di Seiya risultandone più eroica, non è l’immagine che si dà a rendere il personaggio forte è come affronta se stesso, i suoi demoni, i suoi cambiamenti, non serve rendere le donne degli uomini mancati o addirittura più mascoline di loro, non serve rendere la loro normalità un tabù ulteriormente, perpetrando questo tipo di scrittura e perpetrando questi pregiudizi sia maschili che femminili otterremmo un mondo totalmente a modello del politically correct intriso da bugie e vere divisioni, dove gli altri devono per forza dirci cosa ci deve piacere, e allontaneremo sempre di più l’arte, quella del libero arbitrio, quella vera, cruda che può anche far male e far discutere ma giusta.

Ma forse in questo mondo ci viviamo già. Povera Fantàsia.. niente Atreiu per te.

PS: ma poi le vogliamo produrre un po’ più di magliette per donne?? Me n’è sfuggita una con Kratos bellissima, non se ne trovano di Berserk o di altro se non per ragazzi, queste sono le vere ingiustizie! Qui c’è da protestare! E comunque caro Manara non ci far caso a queste! Io aspetto ancora la mia commission della fagiana di Bulma, poi  dopo l’odio che scatenerà questo post posso anche cambiare pianeta XD. A proposito dite che su Namecc due spiedini proprio non li cuociono ‘stì vegani verdi?

Annunci

6 thoughts on “Nerd e Sessismo

  1. Storiacce del genere ne capitano anche nel gioco di ruolo: quando dico di aver avuto gruppi esclusivamente femminili – eccetto me, ovviamente – o almeno una ragazza in ogni gruppo di gioco, sembra che io abbia scoperto lo scheletro di un unicorno e che abbia mentito perché il CICAP non ha ancora verificato la mia affermazione…
    (Questa del CICAP non è male, la riciclerò 😛 )

    Mi chiedo chi si diverta, dal lato maschile, a vivere in una riserva nerd di soli uomini: personalmente, preferisco che aumentino le persone con interessi nerd, siano donne o uomini. Mi piace avere argomenti in comune con amic*.

    Riguardo alle rappresentazioni grafiche dei personaggi, non è strano che si punti a mostrare la bellezza. Magari, la noia è che viene rappresentato quasi esclusivamente un tipo di bellezza, spesso estrema, ma è un atteggiamento diffuso in tutto il mondo. Forse è anche un modo per velocizzare il lavoro, disegnare sempre le stesse cose può essere automatico e dunque veloce…

    Comunque, qui a Cagliari c’è un proverbio che si adatta bene a chi mette in piedi certe cagnare: chi non sa cosa fare, gratta il culo ai cani.
    Solo che oggi lo si gratta sui social 😛

    • Concordo sul proverbio XD, e si mamma mia, mi fai venire in mente una carissima amica, videogiocatrice incallita che da anni trova online maschietti o gente che si stupisce del fatto che lei sia una femmina, sopratutto quando gioca a picchiaduro o sparatutto. Non credo siano veramente così rare come vogliono far credere XD.
      Sul discorso rappresentazioni sicuramente una grossa fetta la fa l’idealizzazione appunto del corpo maschile e femminile, insomma se ci pensiamo (indipendentemente dalla religione), persino Gesù oltre ad avere un aspetto pallido non certo da Palestinese ha pure un sacco di addominali XD, ma come dicevo per i fumetti c’è sicuramente da non sottovalutare quella componente grafica che dipende dal disegnatore di turno e che quindi come dici giustamente anche tu ormai ha una mano talmente abituata a certi tipi di corpi che lui propone che mica ci pensa a cambiarli col tempo, motivo per il quale la maggior parte dei visi sia maschili che femminili se noti è tutta uguale a parte i colori.

  2. Premessa 1: sono una cattiva persona, non ho mai digerito Buffy 😛
    Premessa 2: ero diventato un panzone che mangia pizza e beve birra sul divano, pure con le mani unte che ungevano il Dual Shock ma ora, dopo una dieta strettissima e tanto allenamento (circa un mese), sono tornato “affisicato”. Qualcuno c’è, sì 😁
    Premessa 3: a me il film di Wondy è piaciuto parecchio a prescindere da lei (fantastica).

    Concordo con tutto il lunghissimo post (mi hai fatto sudare il cervello) anche se, per motivi diversi, ho odiato gli anni 2000 in cui le supereroine della DC avevano fili interdentali e scollature con tette enormi, fatti solo per attirare il ciccione nerd arrapato (personalmente se devo farmi una pippa non sento il bisogno di un albo DC, con un mondo quando infinito quale è internet, ed io sono della generazione Postal Market e televendite delle strisce tonifica chiappe, abbastanza più grandicello di te). Ed Benes, disegnatore che adoro, era diventato nauseante, basti cercare Power Girl o Wonder Woman col suo nome. Aveva reso tettona anche Supergirl che di grosse poppe non ha mai avuto il dono.
    Quindi viva il gonnellino riportato nei fumetti grazie al film, dopo non so più quanto tempo dall’ultima volta, che rende giustizia al personaggio.
    Non sono perbenista e né filo femminista, anzi, tutt’altro ma bene così. Le chiappe all’aria non distolgono l’attenzione dal personaggio ma ho sempre trovato assurdo che una guerriera andasse in battaglia così. Poi va be’, nella nostra storia i guerrieri in battaglia ci sono andati anche col pendolo all’aria ma questo non cambia che nel vedermeli di fronte, avrei trovato ridicoli e fuori luogo anche loro.

    • 1. Sei una persona cattivissima. sisi! XD
      2. Hai fatto bene e non solo per la salute ma perché è giusto volersi sentire bene per se stessi e piacersi.
      3. Guarda non metto in dubbio, anche se non ho digerito alcune cose della trama in generale, ma soggettivamente Wonder Woman mi è sempre stato sulle scatole come personaggio sia nei cartoni che nei fumetti , quindi ti puoi immaginare, pensavo di uscire da quella sala magari apprezzando il film ma non il personaggio presentato, invece lei mi è davvero piaciuta un casino, considerando pure il fatto che l’avevo bollata come non adatta a questo ruolo ha fatto veramente tanto per me.
      Che dire sul resto ovviamente concordo anche io, sopratutto sui soldati col pendolo di fuori XD ahimè XD. Scusa per la sudata, guarda le mie professoresse d’italiano mi maledivano ogni volta che c’era un tema haha.

  3. Argomento che “apriti cielo”!
    Non ho ben presente questa polemica sulla Wondy di Whedon [ho letto le critiche, ma non avendo letto lo script non so bene come interpretarle] ma il caso Manara mi ha fatto letteralmente salire il crimine a livelli impossibili. Ma dico io, come si fanno a dire certe cose?
    Il paragone con i personaggi maschili che hai fatto è lo stesso che facevo io, tutti a fare i moralisti e i sarcastici riguardo le donne del fumetto che sono tutte poppone e si mettono in pose esagerate…quando gli eroi maschili fanno esattamente la stessa cosa! Ci si lamenta delle tette e dei culi delle supereroine quando dall’altra parte abbiamo uno Scott “slim” Summer che è un modello da calendario, un Mr Fantastic fisicato [non mi sembra il tipo che va in palestra, invece c’ha un fisico a momenti migliore di Johnny] o addirittura Magneto che ha più addominali di me e dovrebbe avere qualcosa come 90 anni [stessa cosa al cinema, tutti gli attori MASCHI sono super fisicati e la scena a torso nudo non manca mai…ma li no, nessuna polemica, come mai?] XD
    Ma poi, anche se fosse, tutta sta polemica proprio contro Manara? Con tutti gli illustratori che ci sono in giro [e che fanno tutti le medesime cose sul costume e sul fisico delle eroine] proprio contro un Artista con la A maiuscola dovevano prendersela?

    Poi tutti a far polemica contro la Spider Woman di Manara [neanche contro di lei ma contro la sua “posa”, come se invece Peter Parker stesse sempre eretto e composto] ma l’attimo dopo tutte a fare cosplay di Harley Quinn! Versione cinematografica ovviamente, quella che ha inutilmente calze a rete e magliettina stretta. Ma quello si, va bene, quello è “girl power”, è emancipazione…ma dai.
    Io non ho niente contro nessuno, ognuno è libero di fare quello che vuole, ma almeno un minimo di coerenza :/

    La verità è che molte persone sembrano voler risolvere problemi che non esistono! È inutile fare eroine più cazzute o versioni femminili di franchise famosi se alla fine il risultato è pessimo. Vogliamo belle storie e bei personaggi, indipendentemente da sesso, razza o orientamento sessuale [che polemiche inutili e buonismo becero si sprecano anche per il colore della pelle e per la comunità LGBT].

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...