Marvel’s Inhumans – Recensione

Marvel's Inhumans

Non esistono abbastanza parole per descrivere Marvel’s Inhumans, l’ultima serie tv prodotta da Marvel Studios e ABC, una serie di una pochezza come nessun’ altra al mondo, mai credo di aver visto una serie tv dedicata a dei supereroi (ma anche in generale) così brutta e imbarazzante e seguo tutto l’Arrowverse eh.

Tutto il progetto è partito nel peggiore dei modi, prima doveva essere un film Marvel Studios previsto per il 2019 poi sul finire del 2016 è stato convertito in serie tv, la prima girata in IMAX, forse per via del fatto che gli Inumani, come razza, erano già stati introdotti nel Marvel Cinematic Universe nella seconda stagione di Agents of SHIELD che ne ha un po’ sconvolto i piani. Sin dalla prima immagine ufficiale dei protagonisti in costume la serie si è beccata tante pernacchie da parte del pubblico ma una volta finito lo scherzo ci si dice anche che magari poi in video l’effetto sarà migliore. E infine l’anteprima dei primi due episodi nei cinema IMAX è stata letteralmente demolita dai recensori.

Che poi io i primi due episodi tutto sommato non li ho trovati così male quando li ho visti in tv, certo gli effetti speciali non erano il massimo ma nemmeno peggiori di quanto visto in altre serie tv. Mi sbagliavo. Mi sbagliavo di grosso.

Probabilmente l’averlo girato in IMAX deve avere lasciato pochi soldi alla produzione per giustificare effetti speciali che fossero anche solo un minimo accettabili. Perché Black Bolt e Crystal sono facili, non hanno mutazioni fisiche, il primo ha poteri vocali ed è costretto a stare zitto perché troppo potente, la seconda manipola gli elementi, le metti due effetti luminosi alle mani e via. Il problema sono gli altri. Triton necessita diverse ore di make up e quindi via, lo togliamo di mezzo nel primo episodio, Medusa ha i capelli lunghissimi prensili e allora glieli facciamo rasare sempre nel primo episodio, Gorgon ha gli zoccoli ben visibili solo nel primo episodio, dopo si vede chiaramente che indossa degli stivaloni e non mi riferisco a quando indossa dei veri stivali per nascondere la sua condizione, roba che neanche in Xena ed Hercules vent’anni fa! Poi capisco che gli zoccoli possano essere scomodi per le scene d’azione ma cavolo erano proprio finti! Ho visto cosplayer a Lucca indossare zoccoli per tutto il giorno! Se ce la fanno loro a creare e a portare zoccoli finti non ce la fanno per una serie tv? E poi c’è Karnak che in teoria è semplice ma pure per lui trovano l’escamotage per evitare di usare i poteri. Ah dimenticavo Lockjaw, il cane teleporta in CGI, che se non era per lui non avevamo nessun personaggio carismatico nella serie. Come dite? Si teletrasporta e basta? Appunto.

Purtroppo non è solo una questione di effetti speciali, come accennavo poco fa nessun personaggio ha un briciolo di carisma, anzi fanno a gara su chi è il più antipatico, nemmeno il villain Maximus interpretato da Iwan Reon, divenuto prima famoso per Misfits ma soprattutto per Game of Thrones, ma niente nemmeno lui è riuscito a fare il miracolo e a dare quel qualcosa in più alla serie. E la trama? Almeno c’è una trama coinvolgente? Assolutamente no! Una storia di una noia allucinante che si può riassumere con: Maximus vuole detronizzare il fratello Black Bolt e conquistare Attilan, la dimora degli Inumani. Fine.

Il casting non ha aiutato per nulla, uno dei peggiori mai visti.

Va beh, non ne ho nemmeno voglia di perdere altro tempo per sta robaccia, ci ho già perso circa otto ore della mia vita e nessuno me le ridarà, anche perché si merita solo insulti.

17 pensieri su “Marvel’s Inhumans – Recensione

  1. Come hai detto tu [che comunque hai già detto tutto] sta serie non merita neanche il tempo di essere commentata. Quindi apposto così!
    Aggiungo solo che non ho mai desiderato tanto l’inizio di Agents of SHIELD [anzi, magari l’hanno fatto apposta! Hanno fatto una serie di merda sugli Inumani per far rimpiangere al pubblico Coulson e il suo team!] XD
    Comunque ora abbiamo uno standard qualitativo al ribasso! Qualsiasi serie supereroistica [ma anche non] che uscirà in futuro sarà ORO in confronto a questa!

    Piace a 2 people

  2. Da appassionato di fumetti Marvel posso dire che se non fosse per le serie Netflix, la casa delle idee sul piccolo schermo prenderebbe solo scoppole dalla Distinta Concorrenza.

    Agent of S.H.I.T. mi ha rotto i maroni, ho resistito solamente perché nel cast hanno aggiunti Adrianne Palicki che ogni volta mi incanto a guardare con la mascella a terra e la lingua srotolata, ma niente malgrado la sua presenza ho gettato la spugna lo stesso.

    Inhumans è nata sfigata, avrebbe dovuto essere un film come hai ben descritto poi si è ridotta ad una poveracciata televisiva, ne ho guardato un paio di episodi l’altro giorno che ero a pranzo dai miei, la davano su Sky una via l’altra, veramente pessima. Lockjaw fa sempre gli stessi due movimenti e poi PUFF! Sparisce

    Serinda Swan è bellissima ma l’idea di rapare Medusa come Sinead O’Connor vuol dire davvero calare la maschera su tutta la povertà dell’operazione. Pensare che la Marvel nei fumetti sta puntando tantissimo sugli Inumani, ma la serie tv è davvero uno scivolone. Cheers!

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.