I Transformers a fumetti: l’epoca Marvel

The Transformers 1 cover Marvel Comics

Come si accennava parlando della nascita dei Transformers Hasbro aveva i suoi robot ma mancava una storia per commercializzarli, e qui subentra la Marvel Comics.
Hasbro aveva già incaricato la Marvel Comics per il concept e i characters dei G.I. Joe, affidati allo scrittore Larry Hama, e volevano lo stesso per i Transformers. Ingaggiarono Jim Shooter e Dennis O’Neal che a loro volta affidarono il compito a Bob Budiansky.

Bob Budiansky possiamo considerarlo come il vero padre dei primissimi Transformers, fu lui infatti a dare i nomi a quasi tutti i primi 28 Transformers, di fatto qualsiasi cosa non sia apparsa esclusivamente nei cartoni animati o nel film deve la sua origine alla Marvel Comics.

Iniziato come miniserie di 4 numeri bimestrali nel Maggio del 1984 il fumetto dei Transformers, prima vera opera a vederli protagonisti, vide un successo e una popolarità tale da convincere l’editore a promuoverla a serie regolare mensile fino alla sua chiusura avvenuta nella primavera del 1991, per un totale di 80 numeri più alcune miniserie spin-off. I primi numeri introdussero svariati punti della trama che avrebbero continuato a modellare e influenzare la mitologia dei Transformers negli anni a venire, a partire dal concept di due fazioni nemiche di alieni appartenenti alla stessa razza precipitati sulla Terra milioni di anni fa e rimasti dormienti fino alla metà degli anni ’80, per poi risvegliarsi e ricominciare la loro guerra per la ricerca di fonti di energia, mentre altre verranno poi totalmente messe da parte.

Col passare del tempo la serie a fumetti da vita al suo personalissimo universo dalla vasta portata, con centinaia di protagonisti tra Transformers, umani e alieni, sulla Terra, Cybertron e oltre. Verso la fine della serie una trama dalla lunga data porta alla minaccia di Unicron donandogli un background che per molti fan ha superato quello originale di Transformers: The Movie per storytelling e maturità.

Dal momento che il fumetto venne realizzato per vendere i giocattoli il cast era in continua evoluzione per stare al passo con i nuovi giocattoli, i nuovi personaggi venivano introdotti per soddisfare le richieste di Hasbro mentre i “prodotti” vecchi venivano messi da parte o uccisi in epiche battaglie.

Bob Budiansky ha curato la prima miniserie per poi diventare scrittore regolare dal numero 5 al numero 55. Successivamente il ruolo toccò a Simon Furman, fortemente voluto da Budiansky stesso per il suo eccellente lavoro sui Transformers in Marvel UK, che lo scrisse fino alla sua cancellazione avvenuta con il numero 80 a causa di un costane calo dei lettori, derivato tra le altre cose da una qualità altalenante delle storie, infatti storie serie si alternavano a situazioni strane, come il wrestling dei Micromaster, probabilmente dovuto ad un esaurimento di idee da parte di Budiansky per soddisfare le richieste di Hasbro, motivo per cui l’autore oggi non ha il riconoscimento che si merita per il contributo alla serie. Furman riportò la serie su toni più seri facendo affidamento al conflitto tra i personaggi più che a situazioni strane.

Svariati artisti si alternarono ai disegni della serie ma i più frequenti furono indubbiamente Frank Springer, Don Perlin, José Delbo, Geoff Senior e Andrew Wildman, mentre Nelson Yomtov ha colorato ogni singolo albo e tutte le miniserie.

Oltre alla serie regolare Marvel Comics realizzò le seguenti miniserie:

G.I. Joe and the Transformers (4 numeri)
The Transformers: Headmasters (4 numeri)
The Transformers: The Movie (3 numeri)

Tra il 1993 e il 1994 pubblicarono invece una seconda serie intitolata Transformers: Generation 2, a supporto dell’omonima linea di giocattoli, e durata dodici numeri, sempre scritta da Simon Furman e disegnata inizialmente da Derek Yaniger e poi concluso da Manny Galan.

In contemporanea con la serie americana venne prodotta una serie da Marvel UK che ristampava il materiale americano a cui si aggiungeva materiale inedito scritto da Furman per un totale di 332 numeri.

In Italia la serie purtroppo è stata pubblicata parzialmente dalla Play Press Publishing in una collana composta da 36 albi (contenenti fino al numero 36 USA) e negli speciali Transformers: Commander Powermaster (con gli episodi 37-42), Transformers: Captain contro Galvatron (con gli episodi 42-46), Transformers: Headmasters (con la miniserie omonima), G.I.Joe vs Transformers (con la miniserie omonima), Transformers TV (l’adattamento a fumetti del film animato) e Transformers Universe. I numeri della serie regolare sono anche stati raccolti in nove volumi dal titolo Transformers Collection.

Fonte: Transformers Wiki

transformers bannerino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.