Mortal Kombat: Deadly Alliance

Mortal Kombat: Deadly Alliance

Nonostante il successo di Mortal Kombat 4 la saga soffriva notevolmente generando per lo più progetti mediocri se non fallimentari, come l’imbarazzante secondo film cinematografico, due serie televisive, una animata e una live action, chiuse dopo una sola stagione, e sul fronte videoludico le vendite e l’accoglienza di Mortal Kombat: Special Forces furono disastrose. Midway decise così di sospendere il franchise per concentrarsi sullo sviluppo di un nuovo capitolo il cui titolo iniziale è Mortal Kombat V: Vengeance o più semplicemente Mortal Kombat 5.
Mortal Kombat: Deadly Alliance vede la luce nel 2002 e segna una vera svolta per la saga di Mortal Kombat, si tratta infatti del primo vero nuovo capitolo della saga realizzato interamente in tre dimension e sviluppato esclusivamente per console senza alcuna versione arcade.

Il gameplay di Deadly Alliance è stato totalmente rivisto rispetto ai precedenti episodi, i guerrieri ora possono alternare tre stili di combattimento individuali di cui uno dotato di arma, ad esclusione di Mokap e Blaze dotati di tre stili corpo a corpo, con la semplice pressione di un tasto. In precedenza ogni personaggio lottava essenzialmente in modo identico l’uno con l’altro, non vi era alcuna differenza, mentre ora con l’ausilio del motion capture possiamo vedere stili diversi all’opera, come Hapkido o Tai Chi, per esempio Sub-Zero può alternare lo stile Karate Shotokan al Dragon Kung Fu al Kori Blade.
Per favorire un uso maggiore di combo le mosse speciali, utilizzabili con qualsiasi stile, sono state ridotte, di solito in un numero compreso tra due e quattro, ed è stata eliminata la corsa con relativa barra di consumo, ma è possibile spostarsi lateralmente sfruttando la tridimensionalità dell’arena in modo continuato, a differenza di MK 4 dove i passi laterali si potevano eseguire con la pressione di due tasti differenti alla velocità di un secondo.
Grazie ad una potenza maggiore delle console la grafica venne totalmente rivista, diventando più realistica permettendo di rinnovare esteticamente i personaggi, poche le interazioni nei livelli, come la presenza di colonne o statue che possono essere frantumate durante la lotta aumentando i danni. I personaggi tornano ad avere una sola Fatality ciascuno mentre vengono eliminate Animality, Brutality e per la prima anche le Stage Fatality. Per la prima volta viene introdotta la modalità Konquest, che espande la trama svelando nuovi particolari attraverso una serie di tutorial e missioni da completare con ciascun personaggio, il completamento di ogni missione consente di guadagnare monete spendibili per aprire le bare della Krypta allo scopo di sbloccare oggetti e segreti, tra cui i personaggi sbloccabili, costumi alternativi e arene, ma anche immagini, concept e persino il fumetto di Mortal Kombat Collector’s Edition. Una volta completata la modalità Konquista si possono sbloccare i due personaggi segreti Mokap e Blaze. Entrambe le modalità, Konquista e Krypta, diverrano poi elementi fondamentali e caratteristici di tutti i capitoli seguenti di Mortal Kombat.
Per la prima volta da tempo torna il minigioco Test Your Might, in cui il giocatore deve dimostrare la propria forza rompendo oggetti di vario materiale, a cui si affianca il nuovo Test Your Sight, in cui il giocatore, davanti a tre tazze, deve indovinare dove si nasconde il logo del drago, una sorta di gioco delle tre carte che aumenta di velocità e numero di tazze man mano che si avanza, entrambi i i minigiochi fanno guadagnare monete.

Mortal Kombat Deadly Alliance Gameplay 2

Il gioco uscì per Playstation 2, XBox, Nintendo Gamecube e Gameboy Advance accompagnato da una massiccia promozione anche grazie al singolo Immortal della band metal Adema, ricevendo recensioni positive dalla critica del settore che elogiava il tentativo di reinventare la formula di Mortal Kombat resuscitando il franchise e rinnovando il gioco. Per Gameboy Advance uscirono due versioni, una omonima e una intitolata Mortal Kombat: Tournament Edition uscita nel 2003. Entrambe le versioni presentano delle differenze rispetto a quella per console, non sono presenti le armi, i personaggi variano in base alla versione, per esempio Sub-Zero è sbloccabile nella prima versione ma è assente nella seconda.

LA TRAMA

In fuga da un rancoroso Scorpion in cerca di vendetta dopo aver scoperto la verità sulla morte della sua famiglia, lo stregone Quan Chi fugge nel Netherrealm e trova un antica tomba con l’esercito mummificato del Re Drago, primo imperatore di Outworld. Decide così di far tornare in vita l’esercito del Re Drago ma per farlo ha bisogno di anime e solo Shang Tsung può procurargliele. I due si alleano decisi a conquistare i regni e insieme riescono ad uccidere Shao Kahn e Liu Kang. Raiden per fermarli rinuncia al suo titolo di Dio Anziano e riunisce nuovamente i guerrieri della Terra per sconfiggere l’Alleanza Mortale prima che risveglino l’esercito.

CHOOSE YOUR FIGHTER: I PERSONAGGI DI MK DEADLY ALLIANCE

Mortal Kombat: Deadly Alliance Roster

Dai capitoli precedenti tornano:

Raiden: Dio del Tuono protettore della Terra, torna rinunciando al suo ruolo di Dio Anziano. Personaggio sbloccabile.
Kung Lao: il monco Shaolin torna intenzionato a vendicare la morte del suo amico Liu Kang, per la prima volta appare con un look dove non indossa il suo caratteristico cappello, che però ha sulla schiena.
Johnny Cage: star di Hollywood, guerriero della Terra.
Sonya Blade: membro delle Forze Speciali incaricate di proteggere la Terra.
Jax: compagno di Sonya nelle Forze Speciali. Devono trovare il loro compagno Cyrax perso nell’Outworld. Personaggio sbloccabile.
Cyrax: cyber ninja ex membro del Lin Kuei, ora riprogrammato e membro delle Forze Speciali. In missione nell’Outworld cerca un modo per tornare sulla Terra dopo che il congegno che gli consente il ritorno è stato danneggiato in uno scontro con Reptile. Personaggio sbloccabile.
Scorpion: guerriero spirito in cerca di vendetta nei confronti Quan Chi, vero responsabile della morte della sua famiglia e del suo clan.
Sub-Zero: Gran Maestro del nuovo clan del Lin Kuei, ora al servizio del bene.
Kitana: principessa del regno di Edenia intenzionata a vendicare la morte del suo amato Liu Kang. Personaggio sbloccabile.
Kano: leader del Drago Nero e nemico giurato di Sonya al servizio dell’Alleanza Mortale, ignaro che anche i membri del Drago Rosso, rivale del Drago Neoro, sono al servizio di Shang Tsung e Quan Chi.
Reptile: guerriero un tempo al servizio di Shang Tsung e Shao Khan, vorrebbe vendicarsi dello stregone per l’omicidio del suo re ma finisce con l’allearsi con Nitara. Appare con un aspetto ancor più rettile, con testa da lucertola e coda. Personaggio sbloccabile.
Quan Chi: ex stregone di Shinnok, ora alleato con Shang Tsung. Boss finale del gioco.
Shang Tsung: ex stregone di Shao Khan, ora alleato con Quan Chi. Boss finale del gioco. Entrambi gli stregoni si devono affrontare come boss finali ma l’ordine della battaglia è diverso in base al personaggio selezionato dal giocatore.

I nuovi personaggi:

Bo’ Rai Cho: corpulento guerriero nativo di Outworld, maestro di grandi guerrieri come Liu Kang e Kung Lao. Decide di unirsi attivamente alla battaglia dopo la morte di Liu Kang e prende nuovamente sotto la sua ala Kung Lao per addestrarlo ad uccidere Shang Tsung. Il nome del personaggio è un gioco di parole con borracho che in spagnolo significa ubriaco, infatti è rappresentato sempre ubriaco e con la bottiglia di alcol in mano, utilizza lo stile dell’ubriaco mischiato ad azioni come vomitare in terra per far perdere l’equilibrio all’avversario o usare flatolenze per rialzarsi.
Kenshi: guerriero di origini giapponesi, dotato di poteri telecinetici. In cerca di avversari sempre più forti venne avvicinato da un uomo di nome Song che gli raccontò di una spada di grande potere che si diceva nascosta in un pozzo. Aperto il pozzo Kenshi liberò le anime sigillate dentro che vennero prese da Song che si rivelò essere in realtà Shang Tsung, le anime resero cieco Kenshi ma il guerriero venne salvato proprio dalla spada che lo ha riconosciuto come suo proprietario. Dopo anni passati ad affinare i suoi sensi è deciso a vendicarsi di Shang Tsung. Concepito come sostituto di Ermac.
Li Mei: guerriera di un villaggio costretto alla schiavitù da Shang Tsung, decide di liberare il suo popolo sconfiggendo lo stregone. Sostituto di Mileena armata di Sai.
Nitara: vampira dotata di enormi ali per volare, in cerca di una sfera legata alla sua terra natia. Non allineata nella lotta tra Terra e Outworld, Nitara lotta solo per se stessa e per raggiungere il suo scopo inganna Cyrax e poi Reptile. Inizialmente nel gioco era prevista una controparte maschile della stessa razza ma non fecero in tempo ad inserirlo. Personaggio sbloccabile.
Mokap: ex insegnante di arti marziali chiamato da Johnny Cage per un lavoro di Motion Capture per un suo film. Non si sa come sia stato coinvolto negli eventi di Deadly Alliance. Il suo nome è una contrazione di motion capture. Personaggio segreto.
Frost: allieava di Sub-Zero, dotata di grandi poteri ma priva di umiltà. Intende tradire i suo maestro per diventare il nuovo Gran Maestro del Lin Kuei. Personaggio sbloccabile. Inizialmente non venne accolta benissimo in quanto Sub-Zero al femminile.
Blaze: guerriero elementale a guardia dell’ultimo Grande Uovo del Drago. Personaggio segreto. Blaze è il personaggio che si vede combattere nello sfondo dello stage di Mortal Kombat II chiamato The Pit II.
Mavado: membro del Drago Rosso, ha incaricato Hsu Hao di inflitrarsi nelle Forze Speciali allo scopo di assicurarsi lo sterminio del clan rivale Drago Nero. Viene ingaggiato dall’Alleanza Mortale per sconfiggere Kenshi in cambio di Kano.
Hsu Hao: membro del Drago Rosso di origine Mongole e dotato di impianti cibernetici infiltrato nelle Forze Speciali. Incaricato da Mavado di uccidere Shang Tsung per conto di Quan Chi. Personaggio sbloccabile. Non venne ben accolto né dal team di sviluppo né dai fan del gioco.
Drahmin: Oni al servizio dell’Alleanza Mortale, è stato ingaggiato da Shang Tsung come guardia del corpo temendo un tradimento da parte di Quan Chi. Personaggio sbloccabile, è un demone con una mazza impiantata nel braccio destro al posto della mano, indossa una maschera ed è circondato da mosche che è in grado di controllare.
Moloch: mastodontico Oni al servizio dell’Aleanza Mortale e compagno di Drahmin. Sub Boss del gioco. Anche lui incaricato di proteggere Shang Tsung, i due Oni infatti hanno un conto in sospeso con Quan Chi che aveva promesso loro la libertà dal Netherrealm ma lo stregone fuggì lasciandoli indietro. Personaggio non selezionabile.

Per la prima volta Liu Kang non è un personaggio giocabile e nella versione Tournament Edition per Gameboy Advance vennero aggiunti tre personaggi: Sektor, Noob Saibot e Sareena (già vista in MK Mythologies: Sub-Zero)

FINISH HIM! FLAWLESS VICTORY
WHO’S NEXT? >> MORTAL KOMBAT: DECEPTION

Per non perderti nessuno dei nostri articoli segui Omniverso su

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.