Mortal Kombat: Deception

Mortal Kombat Deception

Il rilancio della saga di Mortal Kombat iniziato nel 2002 con Deadly Alliance fu un successo e il sesto capitolo venne annunciato solo pochi mesi dopo. Mortal Kombat: Deception esce esattamente due anni dopo, nel 2004, per le principali console dell’epoca riprendendo la storia esattamente da dove si era interrotta.
Il gameplay è simile a quello del precedente gioco ma presenta alcune migliorie e novità, il gioco si fa più fluido, le combo vengono rinnovate e aumentate, ma soprattutto viene aggiunta l’interattività con le arene, con l’introduzione di trappole che se attivate possono uccidere immediatamente l’avversario e ribaltare l’esito di un incontro. Inoltre viene data la possibilità di spezzare per tre volte a match la combo avversaria (combo breaker).Le Fatality ritornano ad essere due per personaggio ma allo sconfitto viene data la possibilità di fare Harakiri, in una sorta di gara a chi esegue per primo la mossa finale dopo il classico “Finish Him/Her”.

Vengono introdotti due nuove modalità sotto forma di minigiochi: il Chess Kombat e il Puzzle Kombat.

Mortal Kombat Chess Kombat

Come suggerito dal nome Chess Kombat unisce le caratteristiche della saga al gioco degli scacchi, le regole non sono esattamente le stesse e il giocatore deve scegliere cinque personaggi di MK da usare come pedine, uno dei quali sarà il leader, ovvero il corrispettivo del re, che deve essere ucciso con una Fatality per fare scacco matto.

puzzle kombat

Puzzle Kombat invece era un puzzle game simile a Super Puzzle Fighter II Turbo con versioni deformed dei personaggi.
La modalità Konquista introdotta in Deadly Alliance ritorna in una veste totalmente rinnovata, diventando una sorta di gioco di ruolo action con protagonista Shujinko, nuovo eroe della saga introdotto in questo capitolo, ingannato dal misterioso Damashi per ritrovare i Kamidogu, artefatti dal grande potere in grado di sconfiggere le forze oscure una volta per tutte, ma in realtà Damashi non è altro che Onaga, il Dragon King. La storia della modalità Konquista è una sorta di prequel di Deception dal momento che ripercorre la vita di Shujinko, dalla sua giovinezza alla vecchiaia, attraversando i vari regni che compongono l’universo di Mortal Kombat. Nella modalità Konquista permette guadagnare monete spendibili ancora una volta nella Krypta per sbloccare bozzetti, biografie, personaggi e costumi alternativi.
Mortal Kombat: Deception uscì per Playstation 2, XBox e Nintendo Gamecube, quest’ultima console però supportava il gioco online, altra novità per la saga, ma in compenso aveva due personaggi in più. Nel 2006 invece uscì la versione per Playstation Portable dal titolo Mortal Kombat: Unchained che comprendeva anche i personaggi della vesione Gamecube e altre quattro aggiunte.
Il gioco fu un successo, nella sua prima settimana di vita ha venduto un milione di copie, superando il capitolo precedente e diventando il gioco di maggior successo di Midway, ricevendo recensioni positive.

LA TRAMA

Nella battaglia finale contro l’Alleanza Mortale i guerrieri della Terra sono stati sconfitti. L’unico sopravvissuto rimasto a contrastare Shang Tsung e Quan Chi è Raiden ma dopo una dura lotta ne esce sconfitto. Ma la vittoria dei due stregoni unita alla loro sete di potere segna anche la fine dell’Alleanza Mortale e i due iniziano a lottare tra di loro per il controllo dell’amuleto un tempo appartenuto a Shinnok e dal quale esce vincitore Quan Chi. Ma mentre Quan Chi sta ancora assaporando la vittoria ecco far la sua comparsa Onaga, il Dragon King, intento a reclamare il proprio esercito. Onaga è troppo forte per Quan Chi, il quale è costretto ad allearsi nuovamente non solo con Shang Tsung ma anche con Raiden, ma anche uniti i tre non possono nulla contro di lui. Raiden decide di tentare il tutto liberando tutto il suo potere sacrificando se stesso scatenando un esplosione che rade al suolo l’intero palazzo uccidendo i due stregoni ma purtroppo lasciando illeso Onaga che prende l’amuleto per se. Onaga riporta in vita i guerrieri della Terra caduti in battaglia e ora sotto il suo controllo. Ma da lontano Shujinko, il guerriero responsabile del ritorno di Onaga, ha assistito a tutto ed è intenzionato a vendicarsi e a ristabilire la pace nei regni.

CHOOSE YOUR FIGHTER: I PERSONAGGI DI MORTAL KOMBAT: DECEPTION

Mortal Kombat: Deception roster

Dai capitoli precedenti ritornano:

Sub-Zero: Gran Maestro del Lin Kuei alla scoperta delle proprie origini da criomante. Si allea con Kenshi per sconfiggere Hotaru e Onaga.
Scorpion: ora al servizio dei Dei Anziani per fermare Onaga.
Kenshi: unico rimasto delle Special Forces, alleato di Sub-Zero. Personaggio sbloccabile
Raiden: il Dio del Tuono torna in vita dopo essersi sacrificato ma è profondamente cambiato, corrotto, e incurante dei metodi da usare per sconfiggere Onaga. Il cambiamento è anche estetico, con abiti scuri e occhi rossi. Personaggio sbloccabile.
Nightwolf: sciamano protettore della Terra, corrompe volontariamente la sua anima per potersi infiltrare nel Netherrealm.
Jade: la guerriera Edenina unisce le forze con la regina Sindel per liberare la sua amica e alleata Kitana ora sotto il controllo del Dragon King. Personaggio sbloccabile.
Sindel: Regina di Edenia, lotta al fianco di Jade per salvare sua figlia Kitana. Personaggio sbloccabile
Ermac: l’essere composto da anime un tempo sotto il controllo di Shao Kahn e liberato da Kenshi aiuta l’anima di Liu Kang a salvare gli eroi della Terra uccisi e resuscitati da Onaga sora sotto il suo controllo. Ermac ha un look totalmente rinnovato in modo da distaccarlo dal classico palette swapping dell’era in 2D.
Bo’ Rai Cho: guerriero di Outworld, maestro di Liu Kang, Kung Lao e Shujinko.
Li Mei: guerriera nativa di Outworld salvata da Bo’ Rai Cho. Personaggio sbloccabile
Liu Kang: mentre l’anima del defunto campione di Mortal Kombat chiede aiuto a Ermac il suo corpo è stato rianimato per scopi malvagi. Pesonaggio sbloccabile.
Kabal: vicino alla morte dopo lo scontro cn Mavado è stato salvato da Havik, su sua richiesta sta riformando il clan criminale del Drago Nero.
Mileena: approfittando dell’assenza di Kitana, ora sotto il controllo di Onaga, si è sostituita a lei e ora inganna le forze di Edenia per conto del Dragon King.
Baraka: il Tarkatan guida il suo popolo al fianco del Dragon King, inoltre ha aiutato Mileena a fuggire dalla sua prigionia permettendole di assumere l’identità di Kitana.
Tanya: la guerriera traditrice di Edenia ora alleata con Onaga. Personaggio sbloccabile
Smoke: il Cyber Lin Kuei è stato rianimato e riprogrammato da Noon Saibot per servirlo. Mid boss, combatte in coppia con Noob. Personaggio sbloccabile
Noob Saibot: l’ex guerriero della Fratellanza delle Ombre intenzionato a costruire un personale esercito di cyber guerrieri. Nel suo finale si scopre essere in realtà Bi Han, l’originale Sub-Zero ucciso da Scorpion nel primo torneo e protagonista di Mortal Komba Mythologies: Sub-Zero. Mid boss, combatte in coppia con Smoke. Personaggio sbloccabile.

I nuovi personaggi:

Shujinko: anziano guerriero che da giovane venne ingannato da Onaga sotto mentite spoglie a ritrovare i Kamidogu, convinto di operare per gli Dei Anziani ha invece contribuito alla rinascita del Dragon King. Ora anziano intende vendicarsi. Capace di assorbire e imparare le tecniche e poteri altrui, venne concepito come nuovo eroe della storia al posto di Liu Kang ma non venne accolto molto bene dai fan, il suo nome in giapponese significa letteralmente protagonista. Personaggio sbloccabile.
Ashrah: demone del Netherrealm con l’aspetto di una donna, un tempo membro della Confraternita delle Ombre al servizio di Quan Ci e Shinnok. Possiede una spada che purifica il suo spirito ad ogni uccisione ma che in realtà serve ad uccidere i vampiri e corrompe chi la impugna. Da la caccia a Noob Saibot, considerandolo un potente demone e convinta che questo la faccia ascendere completamente.
Kira: prima recluta del nuovo clan del Drago Nero di Kabal. Personaggio sbloccabile
Kobra: combattente di arti marziali di New York reclutato nel Drao Nero. Chiamato scherzosamente Ben Masters per la somiglianza con il ben più famoso Ken Masters di Street Fighter.
Havik: chierico del Chaosrealm, non appartiene ne al bene ne al male, il suo interesse è solo il caos, rivale di Hotaru, spinge Kabal a formare un nuovo Drago Nero. Inizialmente venne concepito come costume alternativo di Noob Saibot per poi ottenere una propria storyline. Personaggio sbloccabile
Hotaru: Generale di Seido, il Regno dell’Ordine, intenzionato a preservare ad ogni costo l’ordine, anche se questo significa allearsi con Onaga. Personaggio sbloccabile
Dairou: guerriero proveniente dal Regno dell’Ordine divenuto un mercenario. Inizialmente doveva debuttare in Deadly Alliance ma venne poi escluso dal gioco.
Darrius: originario del regno di Seido, guida la resistenza contro il suo regno ritenuto da lui oppressivo. Inizialmente doveva essere il nuovo leader del Drago Rosso.
Onaga: sovrano originale di Outworld prima che Shao Khan lo rovesciasse uccidendolo. In realtà riuscì a conservare la propria coscienza dall’oltretomba e a pianificare il proprio ritorno ingannando il giovane Shujinko che contribuì a farlo rinascere utilizzando il corpo di Reptile. Boss finale del gioco non selezionabile.

Nella versione uscita per Gamecube vennero aggiuti Goro e Shao Kahn, mentre in Mortal Kombat: Unchained vennero aggiunti Sonya, Jax, Frost e Kitana.

Mortal Kombat Deception Havik
Havik

I personaggi introdotti in Deception vennero accolti piuttosto male dal pubblico, in quanto se escludiamo il personaggio di Havik, erano tutti piuttosto anonimi e generici, senza poteri caratteristici e iconici, Kira venne definita come una sorta di Sonya malvagia, lo stesso per Kobra come una specie di Johnny Cage dei poveri. Lo stesso Havik deve molto al suo look, l’unico davvero riuscito e riconoscibile ma la storyline della rivalità tra Chaosrealm e Orderrealm non ha mai avuto realmente uno sviluppo.

FINISH HIM! FLAWLESS VICTORY
WHO’S NEXT? >> MORTAL KOMBAT: SHAOLIN MONKS

Per non perderti nessuno dei nostri articoli segui Omniverso su

2 pensieri su “Mortal Kombat: Deception

  1. Questa è tutta roba di cui non sono a conoscenza: finita l’era delle sale giochi, mi sono perso la saga per strada, dato che i rullacartoni su console li ho bazzicati poco 😛
    Però i Mortal Skakki vorrei provarli XD

    En passant, mi pare che Damashi, in giapponese, possa avere a che fare con inganni e truffe, quindi quel personaggio ci sta tutto XD

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.