Mortal Kombat 11

Mortal Kombat 11 venne annunciato in occasione dei Game Awards del 2018 con un trailer che mostrava Raiden e Scorpion lottare. Il gioco sviluppato da NetherRealm Studios e pubblicato da Warner Bros esce per Playstation 4, Xbox One, Nintendo Switch e Windows nell’Aprile del 2019, nel Novembre dello stesso anno divenne disponibile per Stadia.

Come gli altri capitoli sviluppati da NetherRealm il gioco ha un gameplay in 2,5D. Il gameplay vede il ritorno delle Fatality, Brutality, Stage Fatality, Friendship (queste aggiunte in seguito con i DLC) e le Quitalities, mentre vengono eliminate le Faction Kills. Anche le barre di energia per potenziare le mosse speciali ritornano ma vengono eliminate le X-Ray, sostituite dai Fatal Blows, i colpi mortali che infliggono molti danni che a differenza delle X-Ray possono essere attivate solo una volta per match e si possono attivare solo quando la salute del giocatore scende sotto il 30 % entrando in zona pericolo, quindi bisogna saper calcolare bene quando usarle per sfruttarle al meglio e ribaltare l’incontro se necessario.
Vengono introdotte anche i Krushing Blows, che potremmo descrivere come una variazione cinematografica di alcune mosse speciali o colpi, attivabili soddisfacendo determinate condizioni, similmente a quanto accade con le Brutality, causando effetti diversi come un aumento del danno causato o l’apertura per una combo.
Un altra novità è la possibilità di personalizzare il personaggio, cosa mutuata in parte da Injustice 2 e in parte da Mortal Kombat X, nel gioco infatti è possibile sbloccare parti per personalizzare l’aspetto del personaggio, per esempio nel caso di Scorpion si possono cambiare maschera, arpione e spade, più il colore per quanto riguarda l’aspetto, e per ogni versione personalizzata si può modificare il set di mosse speciali, indipendentemente dall’aspetto che gli viene dato, migliorando il sistema di varianti introdotto nel capitolo precedente. Vengono reintrodotte anche le Mercy, assenti da Ultimate Mortal Kombat 3, che permettono di risparmiare l’avversario donandogli un po’ di energia per riprendere il combattimento.
Per il resto Mortal Kombat 11 presenta le stesse modalità del suo predecessore, modalità storia a capitoli con incontri pre programmati intervallati da sequenze cinematografiche, le Torri Viventi con le sfide giornaliere o settimanali a cui si aggiungono le Torri dei personaggi per sbloccare oggetti precisi per ogni personaggio, mentre la Krypta cambia nuovamente veste diventando una sorta di sotto gioco in terza persona con un protagonista anonimo ambientato sull’isola di Shang Tsung in cui per avanzare bisogna risolvere alcuni enigmi e superare trappole, in cui si possono sbloccare come di consueto Fatality, bozzetti, concept art, ecc.

Mortal Kombat 11 ha ricevuto un accoglienza favorevole diventando uno dei videogiochi più venduti del 2019, sono state premiate la storia, la modalità di gioco, più lenta rispetto al passato, e il tutorial ampliato, ma è stato criticato per la prolungata progressione di gioco e il sistema di sblocco della personalizzazione, critiche stupide per quanto mi riguarda perché buona parte della personalizzazione sono puramente estetici, solo una piccola parte riguarda le mosse speciali dei personaggi e nessuno, non ci sono elementi essenziali per poter procedere, a differenza proprio di Injustice 2 dove gli elementi di personalizzazione influiscono enormemente con le statistiche dei personaggi, alla fine sono solo premi per incentivare il giocatore a giocare ancora.
Ad un anno dalla sua uscita ha visto la luce Mortal Kombat 11: Aftermath, un espansione del gioco che includeva una storia aggiuntiva, nuovi personaggi, stage Fatality e le Friendship, mentre una versione aggiornata del gioco e comprendente tutti i contenuti aggiuntivi usciti finora è uscita a Novembre 2020 per Playstation 5 e XBox Series X intitolata Mortal Kombat 11: Ultimate Edition.

LA TRAMA

Dopo la sconfitta di Shinnok per mano di Cassie Cage, Raiden è stato corrotto nel tentativo di ripristinare il Jinsei corrotto a sua volta da Shinnok. Ora è più intenzionato che mai a impedire a chiunque di invadere la Terra e fa di Shinnok un simbolo decapitandolo, ma in quanto dio anziano non può morire. Kronika, madre di Shinnok e custode del tempo, stufa delle interferenze di Raiden sulla linea temporale è intenzionata a riscrivere la storia alleandosi con Liu Kang e Kitana, i nuovi imperatori del Regno Occulto.

CHOOSE YOUR FIGHTER: I PERSONAGGI DI MORTAL KOMBAT 11

Dai capitoli precedenti

Johnny Cage: piange la morte di Sonya e dopo la fusione temporale deve fare i conti con il se stesso del passato ancora arrogante e immaturo nei confronti di Sonya.
Sonya Blade: la Sonya del presente rimane uccisa all’inizio della storia durante un attacco al Regno Esterno. La Sonya del passato arriva solo in seguito e apprende dettagli del proprio futuro rimanendo incredula nel sapere della sua relazione con Johnny.
Cassie Cage: promossa Comandante è costretta ad abbandonare sua madre che si sacrifica per la missione. In seguito alla fusione temporale deve lavorare con la versione più giovane di Sonya, Johnny e Jax.
Jax: ritiratosi nella sua fattoria dopo essersi congedato dalle Special Forces e dopo la morte di sua moglie viene avvicinato da Kronika con la promessa di un posto nel suo nuovo mondo, cosa che lo porta in conflitto con Jacqui e il Jax del passato.
Jacqui Briggs: sempre al servizio delle Special Forces entra in conflitto con suo padre passato dalla parte di Kronika.
Scorpion: combatte fianco a fianco con Sub-Zero contro le forze di Kronika ma è anche costretto ad affrontare il se stesso del passato ancora sotto forma di spettro a cui la dea ha promesso di riportare in vita il suo clan. Hanzo Hasashi morirà tra le braccia del se stesso passato finalmente convinto a passare dalla parte dei guerrieri della Terra.
Sub-Zero: lavora con Scorpion per impedire a Kronika di trasformare i Lin Kuei in Cyber Ninja, la dea infatti ha portato nel presente Sektor per convertire i discepoli di Sub-Zero in suoi guerrieri.
Raiden: il dio del tuono protettore della Terra è il principale motivo per cui Kronika intende riplasmare il tempo. Portando nel presente il Raiden del passato quello del presente corrotto dalle battaglie è stato cancellato in quanto un dio non può esistere in due luoghi contemporaneamente.
Liu Kang: dopo la sconfitta di Shinnok è divenuto Imperatore del Regno Occulto assieme a Kitana. Si allea assieme agli altri Revenant a Kronika spinto dal suo odio per Raiden.
Il Liu Kang del passato invece si allea con i guerrieri della Terra e finisce con il diventare il Dio del Fuoco per affrontare Kronika nella battaglia finale.
Kung Lao: come Revenant combatte al servizio di Kronika per la creazione di un nuovo mondo senza Raiden. Il suo alter ego del passato viene trasportato nel presente e combatte al finaco dei guerrrieri della Terra.
Kitana: Imperatrice del Regno Occulto con Liu Kang, alleata di Kronika. La sua versione del passato ancora in vita si allea con i guerrieri della Terra, sul finire della storia diventa nuovo Kahn di Outworld riuscendo ad unificare i popoli del regno.
Jade: come Revenant serve Liu Kang e Kitana e di conseguenza Kronika. La sua versione del passato. La Jade del passato invece si allea con i guerrieri della Terra rivelando di aver avuto una relazione con Kotal Kahn.
Kabal: Revenant al servizio di Liu Kang e Kitana. La sua versione del passato, ancora membro del Drago Nero, viene manipolata da Kano che gli fa credere sarà Sonya ad ustionarlo e poi ucciderlo.
Kano: si allea con Kronika con la promessa che il Drago Nero nel nuovo mondo sarà più potente. Con il Kano del passato ripara Sektor per creare un esercito di cyber ninja. Il Kano del passato viene poi ucciso da Sonya cancellando dalla realtà anche quello del presente.
Kotal Kahn: si allea con i guerrieri della Terra e le loro controparti del passato per contrastare Kronika. Nella battaglia viene ferito alla schiena da Shao Kahn che lo lascia paralizzato, così nomina Kitana come nuovo Kahn. Nel DLC Aftermath viene ucciso da Shao Kahn.
Erron Black: la versione del presente è sempre al servizio di Kotal Kahn mentre quella del passato è alleata con il Drago Nero.
Baraka: è stato ucciso da D’vorah durante gli eventi di MKX ma una sua versione passata viene trasportata nel presente per guidare i Tarkatan contro Kotal Kahn.
D’vorah: dopo aver tradito Kotal Kahn si unisce a Kronika con la promessa della salvezza del suo popolo.
Noob Saibot: libero dal controllo di Quan Chi si allea con Kronika con la promessa di avere un clan tutto suo aiutando Sektor e Frost a rapire i Lin Kuei da convertire in cyber ninja.
Skarlet: viene svelato che era una normale abitante di Outworld fino a quando non venne presa da Shao Kahn e trasformata in un maestro del sangue.
Frost: personaggio sbloccabile. Allieva di Sub-Zero, dopo averlo tradito si è lasciata convertire in cyber ninja e aiuta Kronika nel suo piano.
Shao Kahn: personaggio scaricabile. La versione del passato di Shao Kahn viene convinto ad allearsi con Kronika con la promessa della sconfitta di Raiden.
Shang Tsung: personaggio scaricabile. Nel DLC Aftermath si allea con Nightwolf e Fujin per recuperare la corona di Kronika, utile a Liu Kang per ripristinare la realtà. Ha l’aspetto di Cary-Hiroyuki Tagawa che lo ha interpretato nel film del 1995 e nella webserie Legacy.
Nightwolf: personaggio scaricabile. Nel presente è un Revenant al servizio di Kronika, la sua versione passata compare nel DLC Aftermath ed è determinante per il recupero della corona di Kronika.
Sindel: personaggio scaricabile. Compare nel DLC sia come Revenant che nella sua versione passata in vita. Viene rivelato che fu lei ad uccidere re Jerrod e che si unì volontariamente a Shao Kahn per ottenere più potere.
Fujin: personaggio scaricabile. Durante gli eventi di MK11 viene imprigionato nel vuoto da Kronika ma una volta sconfitta viene liberato. Ha un ruolo di rilievo in Aftermath in cui si allea con Shang Tsung e Nightwolf per recuperare la corona di Kronika.
Sheeva: personaggio scaricabile. Viene convinta da Kitana a partecipare alla battaglia contro Shao Kahn.
Rain: personaggio scaricabile. Sopravvissuto alla caccia da parte di Kotal Kahn grazie a Tanya, che però è rimasta uccisa, viene rivelato che sop la sua origine, figlio del Dio Argus e fratellastro di Daegon e Taven.
Mileena: personaggio scaricabile. Viene trasportata nel presente da Kronika come sua alleata apprendendo della sua morte futura.

Nuovi personaggi

Cetrion: sorella di Shinnok e figlia di Kronika. Dea antica in grado di usare la natura e poteri elementali.
Geras: principale subalterno di Kronika, è in grado di fermare il tempo in battaglia e pare inarrestabile e impossibile da uccidere.
Kollector: collezionista Naknadan con sei braccia al servizio di Shao Kahn. Stava per essere giustiziato da Kotal Kahn proprio quando è iniziata la fusione temporale, così quando dal passato è riemerso Shao Kahn si è rialleato con lui.
Kronika: personaggio non giocabile, boss finale. Madre degli dei anziani Shinnok e Cetrion, custode del tempo. Intenzionata a ricreare la linea temporale dopo le intromissioni di Raiden. Primo boss femminile della saga di Mortal Kombat, inizialmente concepito come maschio.

Personaggi guest

The Terminator: personaggio scaricabile. Protagonista della saga cinematografica omonima. Compare sia nella versione classica che quella anziana vista in Terminator: destino oscuro.
Joker: personaggio scaricabile. Personaggio della DC Comics già presente in Mortal Kombat vs DC Universe.
Spawn: personaggio scaricabile, protagonista del fumetto omonimo creato da Todd McFarlane (che oggi detiene i diritti per la produzione di action figures dei personaggi della DC Comics e di Mortal Kombat, omaggio dovuto)
Robocop: personaggio scaricabile. Protagonista della saga cinematografica omonima.
John Rambo: personaggio scaricabile. Protagonista della saga cinematografica Rambo.

FINISH HIM! FLAWLESS VICTORY!
WHO’S NEXT >> MORTAL KOMBAT LEGENDS: SCORPION’S REVENGE

Per non perderti nessuno dei nostri articoli segui Omniverso su:

2 pensieri su “Mortal Kombat 11

    • Me lo ero dimenticato Spawn in Soul Calibur! Rammento anche Darth Vader, Yoda e Ezio Auditore.
      Sui personaggi guest mi cogli un po’ in fallo, Rambo e Robocop ancora non li ho scaricati perché al momento non ho la console (spero di riuscire a farla riparare) mentre per gli altri onestamente non ricordo come siano stati contestualizzati, però come tutti i personaggi classici hanno un loro finale se si gioca la modalità arcade.
      Comunque io mi aspetto che un giorno la NetherRealm faccia un gioco picchiaduro con tutte le icone dei film horror, sci-fi ed action anni 80, ci stanno girando intorno sin dal capitolo del 2011 con Freddy Krueger, gira voce che sempre in MK11 dovesse esserci Ash di Army of Darkness.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.