Briciole

Non sono sparito del tutto, è che il trasloco e la sistemazione della casa mi hanno completamente assorbito, nel frattempo sto lavorando al nuovo aspetto del blog, e anche questo di oggi è solo un ritorno momentaneo in attesa del vero rilancio.
Intanto continuo a bazzicare sui social e proprio girando su Facebook tra i suggeriti mi sono ritrovato un post di una pagina abbastanza nota al mondo nerd per via di meme e fotomontaggi divertenti, mi pare che l’autore sia anche blogger ma personalmente non lo seguo. Fin quando si tratta di meme o fotomontaggi divertenti tutto ok, si sorride o si ignora a seconda dei casi, quando invece si cerca di fare una sorta di riflessione sul cinema, su come è cambiato e su come sia peggiorato il pubblico… decisamente meno, non quando fai gli esempi sbagliati.
Nello specifico si evidenziava il fatto che Ridley Scott, Roland Emmerich e Lana Wachoski, big del cinema insomma, con i loro ultimi lavori hanno raccolto poco più che briciole, chi più e chi meno, mentre un Jon Watts qualsiasi ha superato il miliardo con un filmetto come Spider-Man: No Way Home, quindi alla gente non interessa più andare al cinema per gustarsi un film ma solo passare un paio d’ore fuori casa… esattamente come una volta ma ora tra restrizioni, mascherine e streaming forse si è diventati più selettivi, forse eh.

In parte il discorso lo condivido, lo capisco, ma, no un attimo, prendiamola alla larga. Guardiamo in faccia la realtà, al grande pubblico, ovvero il pubblico generalista, di tizio e caio è sempre importato poco e niente, Scott, Emmerich e Wachoski sono solo nomi, alcuni impronunciabili, giusto Scott potrebbe essere un po’ più noto.
E se si parla di soldoni Scott in carriera ha collezionati tanti successi quanti flop. Blade Runner? Fu un floppone, Legend? Floppone. Soldato Jane? Flop. Chi protegge il testimone? davvero qualcuno lo ha mai sentito nominare? L’Albatross? L’Albache?
Per quanto riguarda le sorelle Wachoski… ma davvero possiamo prendere in considerazione la loro filmografia? Dopo la trilogia di Matrix tra uno Speed Racer e un Cloud Atlas non hanno fatto altro che collezionare soli flop, il loro più grande successo post Matrix fu V For Vendetta… che però non hanno diretto loro. Non stupisce che alla sola Lana, orfana della sorella, non sia andata benissimo, un po’ perché queste operazioni retronostalgiche non sempre funzionano, soprattutto quando il tuo unico titolo di vero successo è andato notevolmente in calando (Matrix Revolution incassò circa la metà rispetto a Reloaded ed entrambi non è che siano esattamente ricordati benissimo dai fan), un po’ per il periodo infelice che stanno vivendo i cinema ma ci torniamo dopo.
Roland Emmerich è un caso totalmente unico. Di fatto in questo triello di registi è quello che nella sua carriera può davvero dire di aver quasi sempre realizzato film di successo, giusto gli ultimi suoi lavori non hanno fatto grandi incassi, nonostante fino all’altro venisse preso per il culo per i suoi film catastrofici, anzi mi correggo, ancora oggi viene preso per il culo per il suo Godzilla e compagnia bella ma per qualche strana regola non scritta forse un nome più noto merita di incassare più di un Watts qualsiasi.
Prima che qualche cinefilo della domenica si infervori dovrebbe essere chiaro a tutti che incasso non significa necessariamente qualità, non sono qua per deridere i risultati di nessuno, perché i meriti di questi personaggi non glieli toglie nessuno, il primo Matrix è un film bellissimo e probabilmente sono uno dei pochi al mondo ad apprezzare il Godzilla di Emmerich, mentre mi diverto sempre nel rivedere Stargate e Indipendence Day. Inutile invece dire che Blade Runner e Alien sono due classiconi del cinema fantascientifico e non solo ma è anche vero che Prometheus e Covenant sono due porcate, poi Scott può continuare a dire che che il pallone è suo e ci gioca lui ma fin quando il risultato è questo…

Il cinema sta cambiando. Qui siamo d’accordo, è sotto gli occhi di tutti, solo un cieco non lo ammetterebbe. Scott di recente si è lasciato andare in un attacco ai film Marvel, finora qui sul blog non ho mai detto niente sul tema “regista famoso di turno vs Marvel” semplicemente perché è una polemica piuttosto stupida e soprattutto cavalcata dalla stampa e dai siti di genere, ripeto, guardiamo in faccia la realtà, un regista famoso come Scott floppava prima e floppa anche oggi, e a me The Last Duel è pure piaciuto ma non è di certo colpa dei film Marvel quanto piuttosto dal contesto infelice in cui da due anni stiamo vivendo che hanno portato a dei continui ritardi per l’uscita di un film che non avrebbe comunque fatto grandissimi numeri, e la campagna pubblicitaria pari a zero non ha aiutato, infatti House of Gucci nonostante non si possa considerare un successo ha incassato di più proprio grazie ad una campagna pubblicitaria migliore. Più in generale la pandemia ha portato il grande pubblico, che lo ripeto non ha mai avuto veramente a cuore il cinema inteso come arte, a compiere delle scelte. Il cinema di per sé costa, in questo momento di crisi, perché comunque il Covid ha generato crisi (tra l’altro in crescita all’ombra di una possibile guerra), nei cinema italiani si è pure costretti ad indossare delle mascherine, subito dopo l’uscita di Spider-Man i cinema nostrani avevano persino il divieto di vendere cibi e bevande, chiaro che non tutti siano disposti ad andare a vedere un film in queste condizioni, non tutti almeno, chiaro che di fronte ad un film evento come Spider-Man, perché che ci piaccia o meno, bello o brutto che sia è pur sempre un film evento, si facciano delle scelte. E non dimentichiamoci che a molti pesava il culo andare al cinema già prima, a molta gente non è mai fregato niente dell’esperienza cinematografica. figuriamoci ora che basta poco più di un mese e il film lo si può vedere su un qualsiasi servizio streaming in abbonamento.
Da non sottovalutare poi alcune decisioni infelici delle case cinematografiche stesse, la Warner ha fatto una scelta piuttosto stupida a far uscire Matrix Resurrection poco dopo Spider-Man, ma dopotutto sono gli stessi che fecero uscire Shazam! nel bel mezzo di due film Marvel, un operazione piuttosto suicida.

Cosa abbiamo imparato? Che indubbiamente la pandemia ha accelerato un cambiamento drastico, siamo d’accordo, che sia la vittoria del cinema di consumo pure, ma non è una conclusione a cui ci si può arrivare sulla base di questi esempi superficiali e un po’ banalotti. Poi capisco che parlare di registi piuttosto noti e dei film Marvel equivalga a gettare un fiammifero in una polveriera perché porta una valanga di like, commenti e flame, certi siti ci hanno fatto praticamente una carriera, ma non è solo il cinema ad essere diventato di consumo, tutto l’intrattenimento mediatico lo è, vi basti pensare a come il pubblico passi da una serie tv all’altra giusto per poter essere i primi a dirlo sui social, o a come il pubblico usufruisca della musica al giorno d’oggi, niente più album ma solo canzoni che non superano il tempo limite imposto da Spotify, praticamente solo i dinosauri o i super appassionati comprano ancora album.
Capisco anche che noi appassionati, non necessariamente cinefili (io non mi ritengo esattamente un cinefilo) ci sopravalutiamo, diamo per scontato che solo perché a noi piacciono certe cose e siamo informati automaticamente lo debbano essere anche gli altri, la realtà è che per i più un film è solo un film, giusto o sbagliato che sia questo tipo di pensiero.

18 risposte a "Briciole"

Add yours

  1. Posso dire però che il flop di The Last Duel è stato un tremendo colpo al cuore. Probabilmente è stato uno dei film più belli dell’anno scorso eppure ha guadagnato veramente poco (capisco che poteva floppare, ma non in tal maniera). Vogliamo poi parlare anche de La fiera delle illusioni di Del Toro oppure quel capolavoro che è stato Ultima notte a Soho? Probabilmente quest’ultimo era il film più bello che ho visto al cinema e la pellicola più bella diretta da Wright. Troppi ingiusti flop e mi dispiace che ad aver successo siano stati per lo più i cinecomic. E da fan di Spider-Man mi dispiace che quella pellicola puramente fanservice abbia avuto un tal successo. Il 2021 è stato un anno tremendamente deludente per me riguardo i cinecomic, l’unico che mi abbia veramente colpito e divertito è stato The Suicide Squad.

    Piace a 2 people

    1. The Suicide Squad non l’ho ancora visto ma io più che lamentarmi del successo di Spider-Man, che sarà fanservice ma un fanservice fatto bene e al servizio della trama e non fine a se stesso, trovo inconcepibile essermi trovato in una sala totalmente vuota per Resident Evil (bocciato dai sedicenti fan per ragioni prive di senso) mentre Venom 2 e Ghostbusters Legacy sono stati dei successi, quest’ultimo in particolare un fanservice brutto, che obiettivamente sono filmettini che nemmeno negli anni 90.

      "Mi piace"

      1. Il film di Spiderman io l’ho trovato brutto. Quello è stato fanservice puro e con una sceneggiatura scritta male. Basti pensare a come hanno snaturato il personaggio di Dottor Strange. Lui è sempre stato arrogante ma intelligente ma in questo film fa due errori da sciocco (che poi posso scusarti la prima volta, più o meno, ma la seconda volta no, tu sei lo stratega che ha compreso come sconfiggere Thanos eddai!). Tra le altre cose non mi è neanche piaciuto lo scambio di battute tra i vari Peter perché per la maggior parte, sembrava uscito da un video su TikTok. Un conto è TikTok un conto è il cinema. Tra le altre cose anche il funzionamento del multiverso è tremendamente vago e contorto. Ghostbusters è fanservice, vero, ma almeno c’è una voglia di realizzare qualcosa di curato sul lato tecnico. Tecnicamente è fatto meglio rispetto a No Way Home.

        "Mi piace"

        1. Francamente l’ho trovato quasi mbarazzante Legacy, e nemmeno tanto curato. In ogni caso il succo del, discorso è che Spider-Man lo sapevano anche i muri che sarebbe stato il film dell’anno, lanciare confronti con nomi a caso non ha assolutamente senso, quindi più il nome del regista è famoso e più il film deve incassare? Fortunatamente non è così, e fortunatamente, come ho anche sottolineato nel pezzo, incasso non vuol dire qualità. Da che mondo è mondo ottimi film hanno incassato briciole mentre pessimi film han fatto i soldi, se La Cosa e Blade Runner furono dei flop 40 anni fa non c’è da stupirsi di niente, e allora non c’era una Marvel a cui dare la colpa.

          "Mi piace"

          1. Il punto è che oggi solo la Marvel ha veramente successo. Gli unici non Marvel che quest’anno sono riusciti ad avere successo sono stati 007 e Dune (poi quest’ultimo ha incassato, ma non così tanto). La cosa che mi fa arrabbiare di questo Spider-Man è che ne riconosco appieno la sua enorme importanza a livello storico. Probabilmente questo è stato il film sui cinecomic più importante di sempre, perfino più di Infinity War e Endgame. Ed è anche per questo che mi arrabbio ancor di più. Un film di tale importanza e le cose non funzionano bene e anche la caratterizzazione dei personaggi è zoppicante. Da fan di Spider-Man mi aspettavo un minimo di più. La gente ha criticato ultimamente critica Raimi e i suoi Spiderman, ma almeno lui ha creato delle opere molto più profonde e con dei messaggi resi meglio.

            "Mi piace"

            1. E invece no. A parte Spider-Man non è che gli altri Marvel abbiano esattamente fatto i soldoni, hanno risentito della crisi pure loro, 007 e Fast and Furious 9 hanno entrambi guadagnato molto di più, Black Widow su 200 milioni di budget ne ha portati a casa a poco più di 300, non mi pare tutto sto successone. Per non parlare di target differente tra un Marvel e un The Last Duel, Dune non ha fatto un incasso tanto diverso da quello di Eternals e Shang-Chi, quindi se mi dici che questo ha incassato ma non così tanto vale pure questi Marvel. Quindi esattamente di che si sta parlando? Tra Covid e streaming la gente non mi pare esattamente invogliata ad andare al cinema, personalmente appena ho potuto una volta riaperti i cinema ero lì una volta a settimana, sarei andato anche a vedere House of Gucci e Matrix ma con il trasloco è stato un po’ complicato, e ammetto che le restrizioni natalizie hanno avuto un ruolo non indifferente, ma stai tranquillo che a molta gente non importava un fico secco del cinema nemeno prima. Davvero c’è bisogno di arrabbiarsi?

              "Mi piace"

              1. Mi arrabbio sulla situazione blockbuster americani. Hanno una grande quantità di milioni a disposizione, davvero non riescono a scrivere qualcosa di buono? Questo è quello che mi fa innervosire. Hanno i mezzi per fare qualcosa di incredibile e non li utilizzano. Ovviamente sono blockbuster, sono opere per il grande pubblico, non mi aspetto di vedere qualcosa di incredibilmente profondo o un film d’autore, ma almeno mi piacerebbe vedere un film con una bella sceneggiatura. Sono più propenso a perdonare film costati una miseria piuttosto che opere così costose. Forse più che rabbia è stanchezza nel vedere opere costose ma frivole.

                "Mi piace"

    2. ultima notte a soho ha floppato? Peccato, la prima parte era molto bella anche se la seconda secondo me si perde tra apparizioni di figure misogine e un climax del twist inesistente
      spiderman ha fatto questo successo SOLO per il fanservice: se nn ci fossero stati tutti quei personaggi vintage avrebbe fatto un quarto delle entrate

      "Mi piace"

      1. Un giorno farò sicuramente una recensione su Soho. Io l’ho trovato incredibile dall’inizio alla fine e anche il messaggio che lancia e il modo in cui lo lancia è veramente eccezionale. Per farti capire quanto è stato grande il flop di questa pellicola, nella prima settimana di proiezione ha guadagnato meno di 1 milione e mezzo di dollari. Il nulla assoluto.

        "Mi piace"

          1. Anch’io sono andato al cinema a vederlo. Una bella esperienza. Comunque se quel guadagno fosse stato in Italia poteva essere anche buono, ma quel guadagno così basso era negli USA. Più o meno come poi è successo per La fiera delle illusioni.

            "Mi piace"

  2. Flop al botteghino e scarsa qualità, come giustamente rilevi tu, non sono necessariamente consequenziali. Spesso un grande film ha bisogno di tempo per venire apprezzato e negli anni si fa amare di più rispetto quello che lo batte il giorno dell’uscita. Certo, se giusto devo dire la mia sull’argomento pubblico, ormai alle platee piace farsi raccontare sempre la stessa storia. Lo schema Marvel (chiamiamolo così) sembra l’unico ad essere digerito. Ma può dipendere da chissà quanti fattori e non è detto che il flop dei “grandi” dipenda da questo.
    I grandi hanno quasi sempre fatto flop.

    Piace a 2 people

  3. Per The Last Duel a mio parere non ha certamente aiutato l’annuncio che sarebbe arrivato su Disney+ dopo 1 mese e mezzo dall’uscita al cinema, così non invogli certamente la gente! Peccato perché almeno questo meritava come film

    Piace a 1 persona

    1. Assolutamente, ed è lo stesso destino che è capitato a tantissimi altri film, Matrix Resurrection lo si può guardare tranquillamente da casa già da qualche settimana, in affitto certo ma sempre da casa, una manna dal cielo per i più svogliati o timorosi.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: