Il ritorno degli Ewoks di Jim e Ken Wheat (1985)

Retrospettiva su Il ritorno degli Ewoks per la quarta edizione del Geekoni Film Festival.

Per la scorsa edizione del Geekoni Film Festival, la rassegna virtuale sul cinema per ragazzi e geek sulla falsariga del ben più noto Giffoni Film Festival organizzato in compagnia del resto della Geek League, vi parlai brevemente, forse troppo, de L’Avventura degli Ewoks, film spin-off della celebre saga di Star Wars, per cui per quest’anno mi è sembrato piuttosto semplice e naturale parlarvi del suo sequel: Il ritorno degli Ewoks, il cui titolo originale è Ewoks: The Battle for Endor.
Quindi, essendo ambientato prima de Il Ritorno dello Jedi gli Ewoks si sono trovati a combattere una battaglia per Endor prima della battaglia di Endor. (nota: Endor è il nome della luna boscosa su cui abitano e su cui si svolge una battaglia determinante per la vittoria della Ribellione contro l’Impero).

Inspiegabilmente nel parlarvi de L’Avventura degli Ewoks ho completamente omesso che l’Ewok con cui fanno più amicizia i due giovani protagonisti è Wicket, lo stesso giovane Ewok che poi avrà un ruolo determinante a fianco dei Ribelli, e che ancora una volta ad interpretarlo fu un giovanissimo Warwick Davis, il protagonista Willow, fantasy scritto da George Lucas, creatore di Star Wars (ma che ve lo dico a fare?) e diretto nientemeno che da Ron Howard (e che sta per tornare con una serie in streaming su Disney+), che torna anche per questo sequel.

Venendo a Il Ritorno degli Ewoks pare di trovarsi di fronte ad un film totalmente differente rispetto al suo predecessore, abbiamo fatto la conoscenza dei protagonisti in questa sorta di avventura favoleggiante, abbiamo assistito alle mille peripezie di Mace, novello Luke Skywalker, per salvare sua sorella Cindel aiutato dagli Ewoks, per poi avere una svolta dark fantasy, sulla falsariga proprio di Willow, in cui Mace e i suoi genitori vengono trucidati nei primi cinque minuti di questo sequel dai Marauders guidati da re Terak che vuole impossessarsi della cella di potenza della nave della famiglia. In un modo sempre edulcorato chiaramente ma è un inizio shockante! Per la serie: traumi infantili.

Ad aiutare re Terak c’è la strega Charal, in possesso di un anello dotati di poteri magici. Ad una prima vista Charal ricorda vagamente Evil-Lyn dei Masters of the Universe, tanto da essermi chiesto se potessero essersi parzialmente ispirati al film dei MOTU ma è impossibile dal momento che il film di He-Man è uscito due anni dopo, ma la cosa potrebbe anche avere senso, dopotutto la linea di giocattoli dei MOTU nasce come declinazione proprio del franchise di Star Wars dopo che il CEO della Mattel rifiutò di realizzare una linea di action figures dedicata alla saga di George Lucas, i cui diritti poi vennero acquistati dalla Kenner. Tra l’altro quando Terak entra in possesso della cella di potenza urla “I have the power!”, coincidenze?

La piccola Cindel e Wicket riescono a fuggire ed incontrano l’alieno Teek e Noah, un scorbutico anziano umano precipitato diversi anni prima su Endor con cui instaureranno una sorta di rapporto alla Heidi con il nonno, anche se Noah praticamente diventa amorevole nel giro di pochi minuti, e quando la piccola Cindel viene rapita tocca proprio a Noah andare a salvarla.

Tralasciando la diatriba Star Wars fantasy o fantascienza? dal momento che Star Wars incorpora da sempre elementi di entrambi i generi (e non solo) come per il precedente film il piatto della bilancia tende verso il fantasy con giusto qualche fucile blaser in più, e gli Ewoks sono pure in grado di usarli e hanno una mira migliore degli Stormtroopers, peccato che poi si siano dimenticati come usarli in futuro, per il resto è piuttosto in linea con L’Avventura degli Ewoks, non ha chissà che intreccio narrativo, gli effetti speciali sono in linea con le produzioni televisive, un po’ migliore la stop motion ma decisamente buono il make up dei Marauders, le atmosfere leggermente più dark lo rendono più appetibile anche per i più grandicelli ma si tratta pur sempre di poca cosa, il problema d questo ritorno degli Ewoks sta un po’ nella trama che è un gran miscuglio di cose poco amalgamate tra loro, sembra che abbiano preso cose a caso e le abbiano poi messe insieme.

Rimane solo una grossa domanda: ma chi diavolo è quel tipo nella locandina? Nel film non c’è! Sembra sia vestito come il padre di Cindel ma non ci assomiglia per niente e comunque muore nei primi minuti di film. Mistero…

Classificazione: 2 su 5.

Il Geekoni Film Festival continua su:

La Bara Volante – The Hole (2009)
Pietro Saba World – Nightmare – dal profondo della notte (1984)
Cent’anni di Neditudine – Scoprendo Forrester (2000)
Moz O’Clock – Ciske – Storia di un bambino (1984)
The Reign of Ema – Live is Life (2022)
Il Mondo di Nero – Brisby e il segreto dei NIMH (1982)
La Puteca di Pakos – Io e zio Buck (1989)

9 risposte a "Il ritorno degli Ewoks di Jim e Ken Wheat (1985)"

Add yours

  1. Non era male l’idea di espandere il brand, cosa poi avvenuta ancor di più di recente, ma qui in versione “kids”.
    Ovviamente il tenore è quello, non si sfugge.
    Sui MOTU, credo si siano citati a vicenda anche perché il film utilizzerà peraltro dei simili stormtrooper come soldati… chissà…

    Moz-

    Piace a 1 persona

    1. Oggi han fatto solo molti più live action dai risultati discutibili, film compresi. Il brand si è espanso sin dal principio in una marea di altri titoli, Ewoks compresi.
      Il film dei MOTU mi pare di aver letto che fosse una cosa voluta proprio per cercare di cavalcarne l’estetica.

      "Mi piace"

  2. Aaaah i film degli Ewoks. I film (e serie animata) di cui i detrattori dimenticano sempre l’esistenza quando si lamentano che Star Wars è morto, che la Disney fa solo cose kids friendly con personaggini pucciosi, che stanno sfruttando il marchio facendo spin-off e altre baggianate del genere.
    I film li vidi un anno fa quando li caricarono su Disney+. Li ho già in parte rimossi dalla mente anche se ricordo che il secondo mi prese più del primo (forse per il massacro iniziale…o forse perché mi stava sulle balla il wanabe Luke del primo film).
    Alla fine sono quello che sono e vanno presi per come sono. E sono comunque meglio di Obi-Wan.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: