Transformers: Victory e Zone

Transformers: Victory è la terza ed ultima serie anime interamente realizzata in Giappone dell’era Generation 1. Prodotta nel 1989 da Toei Animation questa serie si staccava ulteriormente dalle radici stilistiche americane e lo stile visivo era fortemente derivato dagli anime dell’epoca, con le trasformazioni dei robot sempre più monumentali, presentate con filmati d’archivio dinamici e lunghi.

Continua a leggere “Transformers: Victory e Zone”

Mobile Suit Gundam: il contrattacco di Char – Recensione

Alla fine di Z Gundam avevamo lasciato Char Aznable sconfitto da Haman Kahn e creduto morto, mentre in realtà lo si scopre poi alla deriva nello spazio a bordo del suo Mobile Suit. Lo ritroviamo poi in Mobile Suit Gundam: il contrattacco di Char, primo lungometraggio originale dedicato al mondo di Gundam uscito nel 1988 che funge da conclusione alla storyline originale.

Continua a leggere “Mobile Suit Gundam: il contrattacco di Char – Recensione”

Rebuild of Evangelion – Recensione

Che Neon Genesis Evangelion non fosse una serie anime come le altre è una cosa assodata, non solo perché nel 1996 diede uno scossone all’animazione giapponese ma soprattutto perché per Hideaki Anno, creatore della sere, era un opera altamente personale e intima, un modo per esprimere il proprio disagio. E lo stesso vale per Rebuild of Evangelion, tetralogia cinematografica cominciata nel 2007 e conclusasi solo nel 2021 che funge apparentemente da remake della serie classica per poi trasformarsi in un una sorta di sequel, dove non solo Anno torna sulla sua opera più famosa non più per esprimere il proprio disagio ma per esorcizzarlo del tutto.

Continua a leggere “Rebuild of Evangelion – Recensione”

Mobile Suit Z Gundam: A New Translation – Recensione

A mesi di distanza ho avuto modo di vedere Mobile Suit Z Gundam, sequel della serie originale, non nella sua forma originale di serie tv ma grazie alla trilogia di film riassuntivi intitolati A New Translation.
La serie tv di Z Gundam uscì nel 1985, sei anni dopo la prima serie, sempre prodotta da Yoshiyuki Tomino e Sunrise. Sono passati sette anni dalla fine della guerra di un anno e la Federazione Terrestre crea un corpo speciale chiamato Titans per dare la caccia alle rimanenti forze di Zeon, ma i metodi brutali di tale corpo portano alla nascita di un gruppo di resistenza chiamato AEUG (Anti-Earth Union Group) in cui militano diversi personaggi della vecchia serie, che entrerà in conflitto con la Federazione. In questo scenario fa la sua comparsa il giovane Kamille Bidan, un newtype cresciuto sulla colonia di Side 7 che si trova suo malgrado coinvolto nel conflitto e diventa membro dell’AEUG come pilota del Gundam Mark II prima e dello Z Gundam poi.

Continua a leggere “Mobile Suit Z Gundam: A New Translation – Recensione”

Resident Evil: Infinite Darkness – Recensione

Nel suo venticinquesimo anno il franchise di Resident Evil pare più vivo che mai. Mentre nei negozi è uscito da poco Village, l’ottavo capitolo videoludico della saga, sono diversi i progetti ispirati o legati al survival horror di Capcom: un film reboot live action dal titolo Welcome to Raccoon City annunciato per Novembre 2021, una serie tv live action per Netflix e sempre sul colosso streaming è da poco approdata la serie anime originale Resident Evil: Infinite Darkness.

Continua a leggere “Resident Evil: Infinite Darkness – Recensione”

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑