100mila volte grazie

Omniverso compie sei anni.

Per l’esattezza li ha compiuti ieri sera.

Non era mia intenzione celebrare l’anniversario del blog prima dei suoi dieci anni ma proprio nei giorni scorsi abbiamo superato abbondantemente le 100mila visualizzazioni e mi sembrava obbligatorio a farlo, almeno per ringraziarvi di questo risultato.

100mila visualizzazioni in sei anni forse non sono molte ma sono moltissime per un piccolo blog come questo dal momento che più del 50% di esse sono solo degli ultimi due anni! E sono in crescita.

Se ripenso a quei primi mesi di vita del blog, nemmeno 1000 visualizzazioni tra agosto e dicembre 2013…

Devo ringraziare voi follower per questo straordinario risultato, almeno quelli che mi seguono per davvero e non per far numero, e i vari lettori casuali che giorno per giorno finiscono da queste parti cercando questo o quello sui motori di ricerca.

Son soddisfazioni. 100mila volte grazie.

 

Tutte le identità di Atomo

atom-ray-palmer-ryan-choi

Atomo (Atom) è il nome usato da diversi supereroi dei fumetti, la cui prima versione nasce nel 1940 sulle pagine di All-American Comics #19 della All-American Publications, in seguito acquisita dalla DC Comics, creato da Ben Flinton e Bill O’Connor. Il personaggio nelle sue varie incarnazioni ha conosciuto fasi alterne di successo, in particolare tra gli anni ’60 e ’70 ma ha sempre fatto parte dei maggiori gruppi di supereroi come Justice Society e Justice League. Scopriamole. Continua a leggere

Marvel Super Heroes: lo sticker album Panini

Marvel Super Heroes sticker album Simone Bianchi

Come accennato un paio di settimane fa nel post dedicato a Lucca Comics alla manifestazione ho acquistato l’album delle figurine Marvel Super Heroes, il primo dedicato ai supereroi dei fumetti. Ne parlo solo ora perché… beh per ben due settimane non ho potuto acquistare un pacchetto di figurine che al mio edicolante non sono arrivate, e tutt’ora mancano, quindi dopo essere arrivato a pensare “ma che cavolo l’ho preso a fare sto album?” mi son deciso a cercare in un altra edicola per poi trovarle anche in fumetteria, perché Panini trattando di supereroi ha ben deciso di distribuirle in blister nelle fumetterie. Continua a leggere

L’infanzia in un Tag

Nominato ufficiosamente dal Conte Gracula e ufficialmente da Johnny Cornerhouse mi accingo a partecipare alla divertente iniziativa intitolata L’infanzia in un Tag, ovvero un giochino, una sorta di catena di Sant’Antonio in cui rievocare alcuni oggetti che han definito la nostra infanzia. Da che ho capito dai post dei colleghi in teoria dovrei nominare cinque cose e poi altrettanti blogger, niente di complicato. Continua a leggere

La Torre Nera – La pseudo recensione

La Torre Nera poster

Ultimamente stavo pensando di realizzare per fine anno una classifica dei film visti nel 2017 e niente abbiamo già un vincitore per il peggiore, si perché dubito che quest’anno possa uscire di peggio de La Torre Nera di Nikolaj Arcel tratto dall’omonima saga di romanzi di Stephen King ma sarebbe meglio dire liberamente ispirato perché il film a parte i nomi dei personaggi de La Torre Nera non ha proprio nulla! Continua a leggere

L’anno che è passato e l’anno che verrà

Con un leggero ritardo vi auguro un buon 2017. Personalmente spero sia decisamente migliore di quello appena passato che non si è concluso nel migliore dei modi, sia per quanto riguarda il blog che per il privato. Ma questo è un blog e di quello si parla.

Sarò sincero questo 2016 per Omniverso non è stato disastroso, ad Agosto il sito ha registrato il maggior numero di visite di sempre nonostante un periodo di relativa inattività, forse merito del superflop (almeno in termini qualitativi) Suicide Squad e tutto questo mi ha galvanizzato per poi delmolirmi con un calo iniziato a Settembre. Di nuovo niente di davvero disastroso, a parte forse Dicembre che tutto sommato mi è servito per capire meglio certi meccanismi, ma indubbuamente al di sotto delle aspettative non arrivando a pareggiare le visite dell’anno scorso che per ben due mesi mi ha visto pure senza internet, ma siamo lì lì. Mi racconto sempre che è un divertimento, nessuno mi paga, niente di più vero ma è altrettanto vero che se sono qua a scrivere è perché voglio essere letto! Ed è normale rimanere un po’ deluso da certi risultati. E poi va beh, c’è la vita di tutti i giorni, il lavoro in primis, a limitare notevolmente il tempo che vorrei dedicare al blog (ma alcuni come diavolo fanno?)

Spesso mi sono chiesto se continuare o mollare tutto, se provare un altra strada.

Tornassi indietro lo chiamerei Il Nido dell’Angelo, così da rimanere in tema con il mio nickname (per chi non lo sapesse Arcangelo è uno degli X-Men e il Nido è il nome di una delle sue case), un qualcosa di più personale del freddo Omniverso ma forse finirei per essere scambiato per un qualcosa di religioso (ma sai che visite poi?!). C’è da dire che da quando ho aperto il blog tante cose sono cambiate, l’idea iniziale era di parlare soprattutto di fantascienza spaziando per l’intrattenimento mediatico generale ma è ovvio che la mia passione per i fumetti abbia preso il sopravvento, in seguito alcune rubriche iniziate le ho abbandonate, l’impostazione di molti articoli è cambiata, nuove rubriche sono nate di recente come Supercinema! che nonostante risultati altalenanti rimane lo stesso una soddisfazione personale e spero di riuscire a valorizzarla al meglio.

L’idea di riprovarci con un nuovo progetto mi ha sfiorato più di una volta ma non vorrei perdere tutto quello che ho realizzato finora  e non parlo degli articoli, quelli basta copiarli. Staremo a vedere come si evolverà la cosa.

Vi lascio con la Top 3 degli articoli più letti durante il 2016.

  1. Harley Quinn e la DC Comics
  2. Captain America: il primo Vendicatore
  3. The Killing Joke: Joker ha davvero abusato di Barbara Gordon?

L’articolo più letto è un post di almeno un paio di anni fa che già l’anno scorso era tra i più letti se non ricordo male, anche qui sarà merito indiretto della rinnovata (e ingiustificata) notorietà del personaggio grazie al coinvolgimento nel film Suicide Squad.

Al secondo posto inspiegabilmente c’è la scheda che realizzai per il primo film di Captain America per la guida al Marvel Cinematic Universe, progetto che mi prometto sempre di riprendere ma quando penso alle serie tv, in special modo ad Agents of SHIELD ammetto che mi passa un po’ la voglia per il lavoro che mi aspetta. Sinceramente non riesco a capire tutto questo interesse per il primo Vendicatore, indubbiamente il meno riuscito della trilogia dedicata a Cap.

E al terzo posto troviamo l’unico articolo scritto quest’anno su uno dei dubbi che attanagliano parte del fandom di Batman. Fa sorridere che in qualche modo The Killing Joke, la cui recensione fino all’anno scorso era l’articolo più letto, sia sempre presente.

E dulcis in fundo fuori classifica merita l’attenzione l’articolo che dedicai alle letture dei fumetti Archie Horror, Sex Criminals, Saga e Joe Golem, pubblicato di recente che si è rivelato una grossa soddisfazione, sia da un punto di vista della scrittura che delle visite.

Direi che è tutto. Rinnovo gli auguri di felice anno nuovo, intanto sto preparando un nuovo articolo per Supercinema! che sarà nientepopodimenoché… Fantastic 4 di Josh Trank!

Devilman vs Hades, The Lone Ranger e… Battlin’ Jack Murdock

DevilmanVsHades1Dopo aver mollato diverse serie è diventato difficile stare dietro alla rubrica delle nostre letture che ultimamente sono state un po’ monopolizzate del manga Beelzebub di cui abbiamo già parlato tempo fa e su cui magari torneremo una volta finita la serie, ma ora eccoci qua per parlare di alcuni recuperi di queste ultime settimane.

Iniziamo con Devilman vs Hades, miniserie in tre volumi pubblicata da Star Comics tra Settembre e Novembre 2015, che ho letto con enorme ritardo perché… beh perché mi ero scordato di comprare il terzo volume, può capitare no? Ma vediamo di che si tratta. Basato sulla celebre saga demoniaca di Go Nagai Devilman vs Hades è un manga realizzato dal Team Moon nel 2012 per celebrare il 40° anniversario di Devilman e… Continua a leggere

Violence Jack di Go Nagai

Sarò sinceviolecejpopro. Dopo un anno e mezzo, con otto volumi usciti finora, beh non so ancora dire con certezza se Violence Jack mi piaccia con certezza. Davvero! Ma per chi non sapesse di che sto parlando in breve… Un violento terremoto ha portato la devastazione in Giappone trasformando la regione del Kanto in un vero e proprio inferno, un mondo post-apocalittico senza legge, dominato solo dalla violenza. In questo scenario si muove un misterioso personaggio… I muscoli di un gorilla! Le zanne di un lupo! Le pupille ardenti come fiamme primitive! Tutto il suo corpo, di due metri e venti di altezza, era pieno di violenta energia! Il suo nome era Jack! Violence Jack! Continua a leggere

Buon 2016!

Un altro anno è passato. Un altro anno di blog. Un anno iniziato non nel migliore dei modi a causa della connessione assente (ringraziamo ancora ReteVeloce) ma andato progressivamente a migliorare con il nostro ritorno online, arrivando quasi a raddoppiare le views rispetto all’anno precedente e nel nostro piccolo è un gran traguardo, aggiungiamoci il nostro impegno nel migliorare la navigazione della pagina.

WordPress come ogni anno ha stilato un report dell’anno appena passato con la classifica dei cinque articoli più letti nel 2015. Eccoli qua:

  1. Batman: The Killing Joke – Recensione
  2. Harley Quinn e la DC Comics
  3. I peggiori cinecomics di sempre secondo noi
  4. Superman e i suoi cloni
  5. The Flash prima stagione – Recensione

Solo uno di essi è stato scritto nel 2015, la recensione della prima stagione di The Flash, gli altri sono tutti articoli del 2013 e 2014, uno di essi risale addirittura ai primi tempi del blog. Non so se esserne contento o spaventato, fate voi.

Detto ciò vi auguriamo buon anno sperando che riesca almeno ad eguagliare l’anno passato. Ci si legge!