Wolverine: Snikt – Recensione

Wolverine: Snikt!

Nel 2003 il mangaka Tsutomu Nihei venne ingaggiato dalla Marvel Comics per realizzare una miniserie in cinque numeri con protagonista Wolverine.
Wolverine: Snikt! (con il punto esclamativo), come il suono degli artigli quando vengono sfoderati, trasporta il mutante in un futuro distopico devastato da creature chiamate Mandate che hanno quasi sterminato l’umanità, l’unica cosa che può ucciderli è l’adamantio che ricopre le ossa di Wolverine.

Continua a leggere

X-Men Le Origini: Wolverine – Recensione

x-men-origini-wolverine

X-Men le origini: Wolverine venne concepito come primo film di una serie di spin off sulle origini di alcuni personaggi della saga degli X-Men, nonché come primo film solista sul più popolare dei mutanti Marvel, ma il progetto non andrò oltre questo film.
Devo ammettere che diversamente da X-Men: conflitto finale questo film all’epoca non mi dispiacque affatto ma col tempo il mio giudizio è andato calando e nel rivederlo per questo articolo non ho potuto fare a meno di pensare a quanto sia invecchiato male nella messa in scena, oltre a partire da basi davvero poco solide, nonostante il buon materiale di partenza a disposizione come quel gioiello di Arma X.

Continua a leggere

X-Men: Conflitto Finale – Recensione

X-Men: The Last Stand poster ita

Lo ricordavo decisamente peggio questo X-Men: Conflitto Finale e invece nel rivederlo mi son divertito, ciò non toglie che rimane il più debole di tutta la trilogia originale della saga. Sappiamo che inizialmente Bryan Singer doveva dirigere anche questo terzo capitolo ma rinunciò per potersi dedicare a Superman Returns. L’idea iniziale, sviluppata da Singer con gli sceneggiatori Michael Dougherty e Dan Harris (già autori del film precedente), prevedeva il ritorno di Jean come una forza quasi divina che si sentiva superiore al conflitto tra Xavier e Magneto, con una propria idea per risolvere i vari problemi nel mondo. Ciclope aveva un ruolo più grande e nel finale Fenice, ormai totalmente al di sopra dell’umana comprensione, lasciava la Terra. Diciamo la verità, già così ha un fascino totalmente diverso rispetto al film realizzato da Brett Ratner.

Continua a leggere

X-Men 2 – Recensione

x-men-2-film-poster

Galvanizzato forse dal successo inaspettato (ma sicuramente sperato) del primo capitolo, il regista Bryan Singer dopo tre anni realizza X-Men 2, un film che probabilmente non solo é uno dei migliori capitoli della saga cinematografica dei mutanti Marvel, se non il migliore, ma anche uno dei migliori cinecomic di sempre!
Fa un po’ strano scoprire che il soggetto e la sceneggiatura portino la firma, tra gli altri, di David Hayter, che i videogiocatori forse ricorderanno come voce originale di Solid Snake e Big Boss nella saga di Metal Gear Solid. Tra i produttori spicca anche il nome del famigerato Kevin Feige, oggi famoso per essere il direttore, nonché produttore, dei Marvel Studios e considerato come una sorta di spauracchio, in realtà possiamo trovare il suo nome tra i co-produttori di quasi tutti i film Marvel realizzati da Sony, Fox, Universal, ecc., tra alti e bassi ovviamente.

Continua a leggere

Marvel Super Heroes: lo sticker album Panini

Marvel Super Heroes sticker album Simone Bianchi

Come accennato un paio di settimane fa nel post dedicato a Lucca Comics alla manifestazione ho acquistato l’album delle figurine Marvel Super Heroes, il primo dedicato ai supereroi dei fumetti. Ne parlo solo ora perché… beh per ben due settimane non ho potuto acquistare un pacchetto di figurine che al mio edicolante non sono arrivate, e tutt’ora mancano, quindi dopo essere arrivato a pensare “ma che cavolo l’ho preso a fare sto album?” mi son deciso a cercare in un altra edicola per poi trovarle anche in fumetteria, perché Panini trattando di supereroi ha ben deciso di distribuirle in blister nelle fumetterie. Continua a leggere

Logan – Recensione

loganposter2

Il capitolo finale di Wolverine

Quando vidi per la prima volta il trailer di Logan devo ammettere di essere rimasto un po’ freddo nei suoi confronti non riuscendo a condividere l’entusiasmo del resto del web, entusiamo nove volte su dieci derivato semplicemente dalla storia a cui il film voleva ispirarsi, quell’Old Man Logan che tanto è piaciuto ai lettori di fumetti. Un entusiasmo a mio modo di vedere molto artificioso e poco naturale, un autoconvincimento su quel che sarà il film, un po’ com’è successo un anno fa con Batman V Superman dove tutti si aspettavano una trasposizione de Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller, cosa che poi non è stata. Personalmente per quanto bello fosse il trailer trovai che ci mancasse qualcosa, mancava Wolverine, poteva essere il trailer di qualsiasi cosa. Solo con il trailer finale mi sono convinto del tutto unendomi al coro del resto del web, ma non per gli stessi motivi. Ironia della sorte Logan con Old Man Logan non centra proprio niente, se non per un Wolverine anziano e senza X-Men, e per fortuna aggiungerei perché c’è da ammetterlo questo film è dieci volte meglio del fumetto a cui si dovrebbe ispirare.

Continua a leggere

X-Men, il film – Recensione

x-men-filmVi ricordate quando i film di supereroi erano casi piuttosto isolati od occasionali? Quando la loro uscita era davvero un evento, quando internet non era così diffuso e i social network e i leoni da tastiera non esistevano? Nessuna lite su inutili faide editoriali  e fanboy, solo tanto entusiasmo, poi se il film era brutto pazienza. Ah bei tempi (anche se bisogna ammetterlo, a volte leggere certe litigate è divertente!).
Son passati ben 16 anni dall’uscita di X-Men di Bryan Singer, film che non mi stancherò mai di dirlo, senza il quale oggi non esisterebbe il genere dei cinecomics (ovviamente assieme allo Spider-Man di Sam Raimi uscito l’anno successivo). Continua a leggere

Wolverine: guida alla lettura

Versione riveduta e corretta di una vecchia guida realizzata per un altro sito e ora riportata direttamente qua, dopotutto sono io l’autore.

OMNIVERSO

wolverine-fumetto

IL MIGLIORE IN QUELLO CHE FA

Gli Anni ’70

Dotato di un fattore di guarigione, sensi supersviluppati simili a quelli animali e soprattutto di tre artigli retrattili per mano e di uno scheletro interamente coperto di Adamantio un metallo virtualmente indistruttibile, Wolverine venne creato nel 1974 da Len Wein (testi) e Herb Trimpe (disegni basati sul design realizzato da John Romita Sr.), come agente superumano del governo Canadese incaricato di affrontare il Golia Verde, appare infatti per la prima volta nella ultime pagine di Incredible Hulk vol.2 #180 per poi apparire pienamente nel numero successivo.

View original post 2.411 altre parole